Napoli, De Magistris: “Stadio San Paolo un disastro, ma il Comune non c’entra”

Pubblicato il 5 settembre 2012 17:08 | Ultimo aggiornamento: 5 settembre 2012 17:09

NAPOLI – ”Sono sconcertato da quello che è accaduto, tutta questa storia ha un po’ il senso di qualcosa che non è andato. Bisogna investigare e capire cos’è successo, mi sa tanto di un campo che non è stato irrigato o curato come doveva”. Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, commentando la situazione disastrosa del terreno di gioco dello stadio San Paolo.

”La situazione del manto erboso – ha ricordato De Magistris ai cronisti – non dipende dal Comune di Napoli. Chi ha il dovere di ripristinare campo lo faccia rapidamente. Per per capire cosa è successo vediamo quello che si può fare. Già nei mesi scorsi abbiamo messo in campo atti per smascherare dei cialtroni che approfittavano dello stadio per fare i loro interessi privati”.

De Magistris ha fatto riferimento poi ai debiti di oltre un milione di euro che il club azzurro deve al Comune di Napoli: ”Io – ha detto – sono pronto a firmare quella transazione col presidente del Napoli De Laurentiis che è importantissima. Abbiamo fatto un atto di grande generosità, i soldi che riceveremo da De Laurentiis li rimetteremo per lo stadio quindi la collaborazione è massima”.

Il sindaco ha poi confermato i buoni rapporti con il presidente azzurro: ”Prima della partita contro la Fiorentina di domenica – ha detto – ho avuto un incontro di un’ora e mezza con lui, abbiamo discusso a tutto tondo, c’è un clima buono e costruttivo e bisogna restare in questo solco”.