Napoli in Champions League dopo 21 anni: 1-1 contro l’Inter al San Paolo

Pubblicato il 15 maggio 2011 20:30 | Ultimo aggiornamento: 5 ottobre 2012 13:49

NAPOLI – Napoli-Inter 1-1 Gol: Samuel Eto’o 15′ (I) Juan Zuniga 45′ (N).

Ventuno anni dopo l’Europa torna a colorarsi d’azzurro.

Ventuno anni dopo il Napoli torna a respirare profumo di Paradiso.

Quello che non sentiva da una sfortunata notte del novembre del 1990, quando fu eliminato ai rigori dallo Spartak Mosca negli ottavi di finale dell’allora Coppa dei Campioni.

Rimette piede in un torneo tutto nuovo e lo fa entrandoci dalla porta principale: il terzo posto conquistato aritmeticamente stasera grazie al pareggio 1-1 con l’Inter garantisce agli azzurri la partecipazione ai gironi di Champions League, un traguardo prestigiosissimo conquistato al termine di una stagione da incorniciare.

L’artefice principale di questo magniico risultato è Walter Mazzarri, l’allenatore che ha saputo sfruttare e far rendere al meglio la rosa a sua disposizione.

Forse per la prima volta in carriera il tecnico toscano non ha semplicemente centrato l’obiettivo iniziale, ma lo ha migliorato.

Il suo è stato un Napoli che, tranne in poche circostanze, non ha abbassato la testa davanti a nessuno, ha sempre cercato di imporre il suo gioco e i suoi ritmi infernali. E i risultati ottenuti, con il record di vittorie in campionato, 21, sono la testimonianza che tutto ha funzionato al meglio.

LE FORMAZIONI DELLA PARTITA DISPUTATA ALLO STADIO SAN PAOLO DI NAPOLI:

NAPOLI (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica; Maggio, Gargano, Pazienza, Dossena; Hamsik, Zuniga; Lavezzi.
A Disposizione: Iezzo, Santacroce, Ruiz, Yebda, Vitale, Sosa, C. Lucarelli.
Allenatore: Mazzarri
INTER (4-3-1-2):
Julio Cesar; Maicon, Ranocchia, Chivu, Nagatomo; J. Zanetti, Mariga, Cambiasso; Coutinho; Eto’o, Milito.
A Disposizione: Castellazzi, Samuel, Materazzi, Obi, Thiago Motta, Pandev, Pazzini.
Allenatore: Leonardo.