Napoli-Villarreal, Mazzarri: "Felici ma stremati"

Pubblicato il 28 Settembre 2011 10:05 | Ultimo aggiornamento: 28 Settembre 2011 20:55

NAPOLI – Nonostante la stanchezza per le troppe gare il tecnico del Napoli, Walter Mazzarri elogia il gruppo per la vittoria contro il Villarreal. ''Siamo stanchi, siamo calati da un punto di vista dell'intensita a causa del fatto che che si gioca tanto – ha spiegato Mazzarri -.

Anche Aronica nel finale si e' infortunato. Ringrazio i giocatori, sono cresciuti in maniera imprevedibile ed io sono orgoglioso della mia squadra. L'esperienza dello scorso anno in Europa League e' servita: i miei sono piu' sicuri, piu' attenti ed oggi sono entrati in campo con autorita' senza pensare ne al fatto che fosse una gara di Champions''.

Il tecnico del Napoli al termine della partita ha accusato un leggero malore. ''Dobbiamo continuare a pensare sempre una partita alla volta: i ragazzi oggi hanno finito la partita stremati – ha detto ancora Mazzarri -. Ancora non siamo ai livelli dei giocatori che da sempre fanno queste competizioni. Gente come Nesta e Seedorf, ad esempio, fa la partita di Champions e spende quello che e' giusto spendere, soprattutto a livello di energie nervose. Noi paghiamo di piu' perche' siamo alle prime esperienze. Come sta Cavani? E' uscito zoppicando, purtroppo a questi ritmi il rischio di infortunio esiste, sono preoccupato degli infortuni ad Edison e Aronica''. L'uruguayano ha riportato una distorsione alla caviglia destra mentre per il difensore ci sono stati problemi muscolari. Le condizioni di entrambi verranno valutare nei prossimi giorni, in vista della sfida di sabato contro l'Inter. ''Ora sabato abbiamo l'Inter – ha ripreso Mazzarri -: dicono che si possa giocare ogni due o tre giorni, ma forse quello era il calcio di 20 anni fa. A questi ritmi e' dura giocare troppe partite, a livello di energie fisiche e mentali, pero' anche l'Inter ha giocato, quindi saremo stanchi in due''. Marek Hamsik, autore della prima rete si definisce ''molto contento di sentire con il Napoli soddisfazioni che non provava da anni. Questo stadio e' pazzesco e la gente di Napoli davvero speciale: siamo forti ma non dobbiamo montarci la testa, solo giocando sempre con questa grinta faremo risultati. Ora girone piu' facile? Quattro punti non ci bastano, abbiamo ancora quattro partite da giocare''. Per il tecnico del Villarreal, Juan Carlos Garrido la gara e' stata condizionata da due episodi. ''Credo si sia trattato di due nostri sbagli molto gravi – ha commentato l'allenatore spagnolo -. Probabilmente passeranno anni prima di vedere qualcos'altro del genere. Comunque, a parte i due episodi, noi abbiamo giocato bene e mi sembra di aver ricevuto un castigo troppo grande contro un Napoli che e' comunque una delle migliori squadre italiane''. Vista la classifica si gia' puo' parlare di un Villarreal fuori dalla Champions?'' Rimangono ancora 4 partite e 12 punti – ha risposto Garrido -, quindi tutto e' possibile. Noi e gli azzurri siamo due compagini che si conoscono bene. Purtroppo, e lo ripeto, si e' trattato di una gara condizionata da due episodi anzi, mi azzardo a dire che probabilmente noi abbiamo giocato meglio rispetto all'anno scorso quando abbiamo fatto zero a zero. Vado via da Napoli pensando che questa sconfitta non la meritavamo''. Deluso anche Giuseppe Rossi: ''l'inizio del Napoli ci ha impressionato, poi la partita l'abbiamo fatta noi – ha detto l'attaccante -: abbiamo creato e abbiamo subito qualche decisione arbitrale, ma questo e' il calcio. Peccato perche' la sconfitta ci sta stretta e ora la qualificazione e' complicata: dobbiamo fare un miracolo. Un futuro a Napoli? Ora non ci penso, penso solo al Villarreal: posso dirvi che il San Paolo e i tifosi napoletani sono stupendi''.