Napoli caos: rubati radio e navigatore dall’auto di Zielinski. 48 ore dopo l’effrazione a casa di Allan

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Novembre 2019 12:55 | Ultimo aggiornamento: 11 Novembre 2019 12:59
Napoli: dopo Allan, Zielinski. Rubati auto radio e navigatore

Zielinski del Napoli in azione (Ansa)

ROMA – C’è ancora un giocatore del Napoli nel mirino di malviventi. Quarantotto ore dopo l’intrusione nella villa in cui vive Allan, a Pozzuoli, un altro episodio di criminalità si è verificato ai danni di un tesserato azzurro. Ignoti ieri mattina hanno danneggiato l’auto del centrocampista polacco Piotr Zielinski, portando via lo stereo e il navigatore, dopo avere infranto il finestrino dal lato passeggero.

Caos Napoli dopo l’ammutinamento

Fin qui la nota di cronaca. Dal punto di vista sportivo l’ennesimo attacco criminale riflette il momentaccio napoletano dopo il clamoroso rifiuto di proseguire il ritiro imposto dalla società. I calciatori sono insultati allo stadio come al campo di allenamento, processati sui social. E, stante l’ennesimo furto, il sospetto è che siano finiti nel mirino del crimine come ulteriore tentativo di pressione.

“Naturalmente  – segnala a ragione la Gazzetta dello Sport – gli inquirenti sono cauti su ogni eventuale collegamento fra l’episodio e la contestazione che da mercoledì è stata intrapresa dalla frangia più dura del tifo napoletano contro la squadra”. Che la giusta cautela degli inquirenti abbia tranquillizzato i calciatori del Napoli, è facile intuire, è tutta un’altra storia. E, del resto, i senatori accusati di aver organizzato l’ammutinamento, sono finiti tutti sul mercato, mentre Ancelotti dovrà far punti con Milan e Liverpool per allontanare l’esonero.

Furto ed effrazione vicino al mare

La denuncia è stata presentata questa mattina ai militari dell’Arma della stazione di Varcaturo, sempre nell’area flegrea. Ad accorgersi dell’effrazione è stata la moglie del calciatore, Laura. Che era uscita con la macchina, una Smart, per andare a passeggio col cane della coppia sulla spiaggia poco distante dall’appartamento in cui vivono. Stando a una prima ma ancora frammentaria ricostruzione dei fatti, al termine della passeggiata, la donna ha trovato la vettura danneggiata, avvertendo il marito. Dalla Smart, stando a quanto si apprende, sarebbero stati portati via anche i documenti di circolazione. (fonte Agi)