Napoli, Zielinski e un dirigente positivi al Covid dopo la partita col Genoa

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 Ottobre 2020 14:57 | Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre 2020 15:22
zielinski, foto ansa

Napoli, Zielinski (nella foto Ansa) e un dirigente positivi al Covid dopo la partita col Genoa

Napoli, i positivi al coronavirus sono due: il calciatore Piotr Zielinski e del dirigente Giandomenico Costi.

Piotr Zielinski del Napoli e il dirigente Giandomenico Costi positivi al coronavirus.

“Al termine dell’elaborazione dei tamponi fatti ieri, sono risultati positivi al Covid-19 il calciatore Piotr Zielinski e il collaboratore (extra gruppo squadra) Giandomenico Costi” ha fatto sapere la squadra partenopea sul suo profilo Twitter ufficiale.

Il primo giro di tamponi aveva dato risultati negativi. Ora sarà ripetuto un nuovo test nella giornata di domani in vista della partita di campionato Juventus-Napoli in programma domenica.

Dopo la positività al coronavirus di gran parte della rosa del Genoa, anche i calciatori del Napoli si sono sottoposti ai tamponi.

Genoa, altri tre positivi

E in casa Genoa continuano ad aumentare i casi Covid positivi. 

Come annunciato dalla società, anche i giocatori Petar Brlek e Miha Zajc e il collaboratore tecnico Walter Bressan sono risultati positivi ai tamponi effettuati ieri.

“La società ha attuato tutte le misure necessarie e informato le autorità competenti – si legge nella nota -. L’attività al centro sportivo Signorini resta sospesa fino a lunedì”.

Il consiglio direttivo della Lega di Serie A ha intanto rinviato Genoa-Torino in programma sabato 3 ottobre a causa del focolaio covid nella squadra rossoblù.

Ad annunciarlo il presidente del Genoa Enrico Preziosi intervenendo a Radio Kiss Kiss.

“Ci sono tanti positivi nella nostra squadra, adesso ce né uno in più”.

“Anche Mattia Destro che ha una carica virale molto bassa. Sono molto preoccupato in generale per l’aria che c’è intorno al mondo, non solo nel calcio italiano”.

In tutto i positivi al Genoa salgono dunque a 16, di cui 12 giocatori. “Il rinvio della gara era normale, siamo decimati, ma se non lo facevano chi scendeva in campo, io e Faggiano?” (fonte: Agi, Ansa).