Nedved: “Totti mai stato in una big come la Juventus”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Ottobre 2014 9:04 | Ultimo aggiornamento: 7 Ottobre 2014 11:25
Nedved: “Totti mai stato in una big come la Juventus”

Pavel Nedved (LaPresse)

ROMA – “Stimo Totti perché è un grandissimo campione, ma le sue frasi mi hanno fatto arrabbiare. Le parole che usa non sono giuste: lui non è mai arrivato a giocare in una squadra così grande, non sa cosa vuol dire giocare per la Juve“: così Pavel Nedved, ex calciatore juventino e ora consigliere di amministrazione bianconero risponde a distanza alle parole di Francesco Totti.

“Giocare per la Juve è una cosa molto pesante – ha detto ancora Nedved, ospite alla trasmissione ‘Tiki Taka’ – è una cosa molto difficile perché se giochi o lavori per la Juve, hai tutti contro”.

“Se il capitano della mia squadra dice quello che ha detto Totti alla sesta giornata non so se rimane capitano – ha aggiunto Nedved – Come si fa a parlare di campionato falsato? Siamo alla sesta giornata, non è possibile”.

“Su Marchisio era rigore – dice Nedved – a mio avviso dalla tribuna sembrava abbastanza chiaro con la spinta di Holebas abbastanza forte”.

Per quanto riguarda il penalty concesso alla Roma per l’abbraccio Lichtsteiner-Totti, il consigliere d’amministrazione bianconero ha valutato così: “Nessuno dei due giocatori ha capito che cosa è successo, quando fischia l’arbitro”.    

Sulla decisione di assegnare il secondo rigore alla Juve per il contatto Pjanic-Pogba, Nedved è chiaro: “Parlare di centimetri, fuori o dentro l’area, mi sembra ridicolo: Rocchi vede che Pogba è sulla riga e decide di dare rigore e non vedo niente di clamoroso. E’ rigore e basta”.