Nizza licenzia Fadiga, ha rubato un orologio al compagno di squadra Dolberg

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 Ottobre 2019 18:07 | Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre 2019 18:07
Nizza Fadiga rubato orologio Dolberg licenziato scuse social network

Dolberg nella foto Ansa. Fadiga gli ha rubato l’orologio ed è stato licenziato dal Nizza

NIZZA (FRANCIA) – Il Nizza Calcio ha comunicato di avere ufficialmente licenziato Lamine Diaby Fadiga, il 18enne autore del furto di un orologio del valore di 70 mila euro, che apparteneva al compagno di squadra Kasper Dolberg.

“Il Nizza e Lamine Diaby Fadiga si sono separati oggi. In seguito al furto dell’orologio di Kasper Dolberg dallo spogliatoio della prima squadra, e alla successiva ammissione del giocatore, il club decide di annullare il contratto con l’attaccante di 18 anni con effetto immediato – si legge sul sito del club francese, che milita nella Ligue 1 -. Al di là di ogni considerazione sportiva ed economica, il Nizza non può accettare questi comportamenti che tradiscono la fiducia che unisce tutti i dipendenti del club e i membri della famiglia rossonera”.

Nizza, Fadiga si scusa con i tifosi con un lungo post sui social: “Ecco perché ho rubato l’orologio a Dolberg”.

“A tutti i tifosi che mi hanno accolto a braccia aperte da quando avevo 14 anni devo delle spiegazioni”. Comincia così il lungo messaggio, postato sui social, di Lamine Diaby Fadiga, l’attaccante licenziato dal Nizza per aver rubato negli spogliatoi un orologio da 70 mila euro al compagno di squadra Dolberg. Il 18enne attaccante francese si scusa, e spiega di aver compiuto quel gesto “per gelosia” del successo del compagno.

“Dopo aver portato con orgoglio questa maglia, sono stato a lungo fermo per infortunio e il mio rientro con la Primavera è stata segnato da un espulsione – spiega Fadiga – Ero mentalmente scosso, e nel frattempo colpito dal successo in campo di Kasper: per questo me la sono presa con lui, invece di combattere in campo per riconquistare spazio. L’ho fatto forse un po’ per gelosia, per la frustrazione e lo scontento per non essere considerato” (fonte articolo Ansa).