Marcianise, Josefa e l’Emilia: chi ha vinto davvero a Londra 2012

Pubblicato il 12 agosto 2012 19:58 | Ultimo aggiornamento: 12 agosto 2012 19:58
Josefa Idem

Josefa Idem (Foto Lapresse)

LONDRA – Un’Olimpiade amara: tra il doping del (ex) campione Alex Schwazer, gli insuccessi di Federica Pellegrini, il mancato oro per Roberto Cammarelle sono tanti i punti oscuri di Londra 2012 per gli Azzurri.

Il bilancio non è pessimo: 28 medaglie, una in più di Pechino 2008. Ma manca l’entusiasmo, e l’apprezzamento generale.

Sono almeno due gli ori mancati più per sfortuna che per volontà nella boxe targata Marcianise: sono quelli di Cammarelle e di Clemente Russo. Ma anche quello destinato a Marco Aurelio Fontana, a cavallo della sua Mountain bike sena sellino, in testa al gruppo fino all’incidente.

Pallavolo e pallanuoto hanno dati buoni risultati, ma anche qui non c’è stato lo sprint finale, e così la chiusura è stata di un bronzo e un argento, anche se, va ammesso, con signori sfidanti come la Bulgaria e la Croazia.

Ma quel che forse è mancato di più è stata la vittoria in acqua. Federica Pellegrini e Filippo Magnini sono più presenti negli articoli di gossip che in quelli di sport. E la mancata gloria in vasca è bruciata agli italiani.

Ha fatto male anche, soprattutto, la beffa che ha soffiato il bronzo a Tania Cagnotto nei tuffi, e a Vanessa Ferrari nel corpo libero.

A ricordarci che siamo un Paese semi-circondato dal mare, e che quindi forse un po’ dovremmo saper nuotare, c’ha pensato la giovane Martina Grimaldi, classe 1988, bronzo nella maratona 10 km.

Resta il bell’esempio di Josefa Idem, mamma e campionessa a 48 anni, con un addio alle Olimpiadi più che decoroso, in tutti i sensi.

Quello delle donne di spada: Valentina Vezzali, Elisa Di Francisca, Arianna Errigo e Ilaria Salvatori. Vittoria nel fioretto femminile a squadre e  Valentina Vezzali, alla nona medaglia olimpica, che supera Giovanna Trillini nel computo totale a cinque cerchi ed eguaglia Edoardo Mangiarotti nel numero complessivo di medaglie d’oro fra olimpiadi e mondiali con 19.

Soprattutto, la faccia bella degli Azzurri a Londra è l’esultanza di Jessica Rossi, oro al tiro al piattello, dedicata ai terremotati della sua Crevalcore e di tutta l’Emilia. Perché le Olimpiadi più dure l’Italia le deve vincere in casa.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other