L’Italia alle Olimpiadi punta a portare a casa 32 medaglie

Pubblicato il 26 luglio 2012 19:27 | Ultimo aggiornamento: 26 luglio 2012 19:28

Federica Pellegrini (Foto Lapresse)

LONDRA – A vedere il ranking mondiale l’Italia, alle Olimpiadi di Londra, potrebbe portare a casa 32 medaglie. Difficile. Basterebbe mantenere il risultato di Pechino 2008, quando di medaglie l’Italia ne guadagnò 27.

Repubblica azzarda qualche previsione: La scherma non tradirà, come al solito: tre d’oro arriveranno. Il fioretto a squadre femminile, una ciascuna dai due fioretti individuali maschili e femminili. Poi una da tiro a segno (Cambriani) e una da tiro a volo (Falco, Pelliello o la Cainero hanno tutti grosse chances). Nel ciclismo su strada femminile Giorgia Bronzini è la favorita. Nel pugilato, un oro ce lo dovrebbero portare Russo o Cammarelle. Così come Daniele Molmenti nella canoa slalom e le “farfalle” della ginnastica ritmica (qui c’è il problema delle giurie). Pallanuoto e volley, maschi come femminile, sono tornati ai vertici mondiali.

E Petrucci, alle sue ultime Olimpiadi da presidente, sarebbe felicissimo di vedere il primo oro del volley, oltre a rinverdire la tradizione azzurra della pallanuoto. Ma è durissima, si fa in fretta a passare da un primo ad un quarto posto. E la Pellegrini? Al momento è sesta nel ranking mondiale dei 200 sl, nona in quello dei 400 sl: per vincere un oro stavolta dovrà davvero superarsi. E’ capace di farlo. L’atletica, persa la Di Martino, potrebbe portarci un oro, come a Pechino, con Alex Schwazer nella 50 km di marcia.