Ozil sceglie Erdogan come testimone di nozze. Il braccio destro della Merkel: “Una delusione”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 marzo 2019 9:55 | Ultimo aggiornamento: 19 marzo 2019 9:56
Mesut Ozil sceglie Erdogan come testimone di nozze. La cancelleria: "Una delusione" (foto Ansa)

Mesut Ozil sceglie Erdogan come testimone di nozze. La cancelleria: “Una delusione” (foto Ansa)

ROMA – Mesut Ozil ha chiesto al presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, di fargli da testimone di nozze la prossima estate, quando sposerà la fidanzata Amine Gulse.

Il centrocampista, ex giocatore della nazionale tedesca, aveva già scatenato accese polemiche quando era stata diffusa una sua foto a fianco di Erdogan, lo scorso maggio. Ozul, che è di origini turche, era stato criticato per quella che era apparsa come una mancanza di lealtà nei confronti della Germania poco poco prima dell’inizio dei Mondiali. Ozil aveva poi deciso di lasciare la nazionale a luglio, lanciando accuse di “razzismo” nei confronti dei turco-tedeschi da parte dei vertici dell’Associazione calcio della Germania:

“Sono tedesco quando vinciamo, ma un immigrato quando perdiamo”, aveva attaccato il giocatore. Domenica scorsa, era stato il tabloid Bild Zeitung a rivelare che Ozil e la sua fidanzata, la modella Amine Gulse, avrebbero incontrato di persona il presidente turco per invitarlo di persona al matrimonio che si terra’ quest’estate, chiedendogli se vorrà fare da testimone. La notizia è stata accolta da forti critiche in Germania. I rapporti tra il governo tedesco e quello di Ankara negli ultimi anni è stato caratterizzato da numerose polemiche e tensioni.

Il capo della cancellieria di Frau Merkel, Helge Braun, ha dichiarato alla Bild di “essere rattristato” per la mossa di Ozil: “Il fatto che lui continui con questo atteggiamento ha sconcertato molti tifosi, me compreso”, ha detto Braun. Il quale ha definito quella del calciatore “una decisione privata” che è giusto rispettare, ma ha anche ricordato che il giocatore “è un modello” per tante persone, “soprattutto per i giovani turchi che vivono in Germania”, per cui diventa legittima la domanda dell’effettiva lealtà verso la Germania “di qualcuno che porta la maglietta della nazionale”.

Anche uno dei leader dei Verdi, Cem Ozdemir, di origini turche, ha definito “inappropriato” l’invito a Erdogan alle nozze di Ozil: “Ognuno può invitare chi vuole al suo matrimonio, ma un giocatore della nazionale tedesca deve chiedersi se sia giusto offrirsi a un autocrate come Erdogan, che si arricchisce a spese del suo Paese e mette in prigione chi non la pensa come lui”. Fonte: Agi.