Palermo, Mangia: "Non meritiamo le critiche"

Pubblicato il 5 Novembre 2011 23:11 | Ultimo aggiornamento: 5 Novembre 2011 23:18

PALERMO – Settimana tribolata per Devis Mangia che ritrova il sorriso dopo le polemiche per la sconfitta di Udine e le dimissioni del ds che lo ha portato in panchina: Sean Sogliano. La vittoria contro il Bologna, la quinta su cinque gare al Barbera, da' fiducia al giovane tecnico che adesso dovra' cominciare a fare punti anche in trasferta.

''Siamo una squadra giovanissima e forse le tante critiche quando perdiamo non ce le meritiamo – ha detto -. Sono davvero contento della nostra prestazione. Guardate ad esempio Ilicic che oggi ha fatto tutto. Ha recuperato palla, ha fatto assist, ha tirato. Il fatto di non aver giocato con punte di ruolo mi piace. E' una qualita' che in alcuni momenti, in alcune partite, si puo' sfruttare. Miccoli non stava bene e, visto che la partita stava andando per il verso giusto, l'ho risparmiato''.

Fuori dalle mura amiche pero' la musica cambia e la prossima trasferta sara' a Torino contro la Juve capolista. ''Sono contento delle vittorie casalinghe, ma spero di ottenerne finalmente una anche fuori – ha ammesso il tecnico -. In attacco avremo qualche problema, visto l'infortunio di Hernandez. Spero di recuperare Pinilla e Miccoli. In ogni caso, Lores e' in gamba e ha bisogno di essere lasciato tranquillo. Deve ancora migliorare tanto e anche oggi si e' impegnato al massimo''.

Ritorno amaro per Stefano Pioli, esonerato dal Palermo prima dell'inzio del campionato e oggi sconfitto dai rosanero sulla panchina del Bologna. ''E' stata una gara equilibrata fino al loro gol – ha spiegato -. Dopo abbiamo cercato di raddrizzarla, abbiamo tirato molto in porta. Poi il secondo gol ci ha messo nei guai, pero' devo sottolineare che la squadra ha giocato fino alla fine. Usciamo dal campo troppo penalizzati dal risultato''.

Federico Balzaretti non nasconde che le dimissioni di Sogliano hanno scosso l'ambiente rosanero. ''Ci dispiace moltissimo per l'addio del direttore – ha spiegato -, era una persona per noi importante, questa vittoria e' anche sua. Ma noi a Palermo siamo abituati a queste bufere, a questi cambi. Ci tenevamo tanto a vincere, dimostra l'unita' del gruppo''.