Pallanuoto, Italia campione del mondo: ‘Settebello’ batte Spagna 10-5

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Luglio 2019 12:52 | Ultimo aggiornamento: 27 Luglio 2019 12:57
Pallanuoto, Italia campione del mondo: 'Settebello' batte Spagna 10-5

Pallanuoto, Italia batte Spagna e si laurea campione del mondo (foto Ansa)

GWANGJU – Il ‘Settebello‘ italiano batte la Spagna in finale per 10 a 5 e conquista la medaglia d’oro della Pallanuoto maschile ai Mondiali di Gwangju. Si tratta del quarto titolo Mondiale nella storia della nostra Nazionale di pallanuoto.

L’Italia ha dominato l’intero match. Alla Spagna ha concesso infatti solo 4 gol in superiorità numerica e uno su rigore. Gli azzurri sono passati per primi in vantaggio in superiorità numerica con una rete di Luongo. Di Perrone il momentaneo pareggio prima della rete di Oscar Echeniche e il nuovo pareggio, ancora di Perrone, che chiude il primo tempo.

La seconda frazione vede l’Italia che realizza altri tre reti, con Figlioli, Dolce e Renzuto, contro uno degli iberici di Munarriz Egana, chiudendo 5 a 3. Tre a uno anche nel terzo tempo con realizzazioni di Aicardi, ancora Dolce e Fulvio a fronte di una rete dello spagnolo Mallarac. L’ultima tempo parte quindi con il Settebello in vantaggio per 8-4 che consente agli italiani di giocare ‘sul velluto’.

A segnare e portare la partita sul 9-4 è quindi Luongo. La Spagna accorcia le distanze ancora con Mallarac ma è Bodegas a firmare l’ultimo e definitivo gol azzurro che consente al Settebello di chiudere per 10-5 e conquista il quarto titolo iridato dopo quelli del 1978, 1994 e 2011.
Il bronzo invece va alla Croazia, campione del mondo uscente, che ha battuto l’Ungheria 10-7.

SPAGNA-ITALIA 5-10, il tabellino della finalissima Mondiale di Pallanuoto. 

SPAGNA: Lopez Pinedo, Munarriz 1 rig., Granados, De Toro, Cabanas, Larumbe, Barroso, Fernandez, Tahull, R. Perrone 2, Mallarach 2, Bustos, Lorrio. All. Martin Lozano.

ITALIA: Del Lungo, Di Fulvio 1, Luongo 2, Figlioli 1, Di Somma, Velotto, Renzuto 1, Echenique 1, Figari, Bodegas 1, Aicardi 1, Dolce 2, Nicosia. All. Campagna.

ARBITRI: Margeta (Slo) e Goldenberg (Usa). NOTE: sup. num. Spagna 16 (2), Italia 6 (4); usciti 3 f. Di Somma e Figari nel 4° tempo. Ammonito Campagna per proteste.

ALTRE FINALI – 3° posto: Croazia-Ungheria 10-7; 5° posto: Serbia-Australia 13-9. 7° posto: Grecia-Germania 11-6.

CAMMINO AZZURRO: 14-5 Brasile, 9-7 Giappone, 8-7 Germania, 7-6 Grecia, 12-10 Ungheria (fonte AGI).