Pallone d’Oro 2018 a Modric: interrotto dominio Cristiano Ronaldo-Messi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 dicembre 2018 22:26 | Ultimo aggiornamento: 3 dicembre 2018 22:27
Pallone d'Oro 2018 a Modric: interrotto dominio Cristiano Ronaldo-Messi

Pallone d’Oro 2018 a Modric: interrotto dominio Cristiano Ronaldo-Messi (Ansa)

PARIGI (FRANCIA) – Il 63/o Pallone d’oro è stato assegnato questa sera a Parigi al croato Luka Modric, finalista con la sua nazionale ai mondiali in Russia vinti dalla Francia, e vincitore con il Real Madrid della Champions League. Al secondo posto lo juventino Cristiano Ronaldo, Pallone d’oro l’anno scorso, al terzo il campione del mondo francese Antoine Griezmann. Le ultime dieci edizioni del premio se le erano equamente divise, con cinque trofei a testa, il portoghese e l’argentino Lionel Messi.

Pallone d'Oro 2018 a Modric: Cristiano Ronaldo secondo e Griezmann terzo

Pallone d’Oro 2018 a Modric: Cristiano Ronaldo secondo e Griezmann terzo

Il Barcellona: “Strana una finale del Pallone d’Oro senza Messi…”

Non vedere il nome di Leo Messi nella terna dei candidati al pallone d’Oro ha “sorpreso” e non poco Ernesto Valverde, suo allenatore al Barca. “Sono sorpreso come chiunque”, ha ammesso l’allenatore della squadra catalana oggi in conferenza stampa, “perché, ad esempio, Messi è stato il migliore giocatore della prima, seconda e quinta giornata di Champions, mentre nella terza e quarta giornata non ha giocato perchè infortunato. E non lo diciamo noi, ma lo ha detto l’Uefa – ha aggiunto Valverde – Ci congratuliamo con i prescelti (Modric, Varane, Mbappè, ndr) poi tutti sono liberi di pensare ciò che vogliono ma lo trovo un po’ strano, questo sì”, ha confessato Valverde.  

La Juventus: “Cr7 calciatore più forte di sempre, doveva vincere il Pallone d’Oro”

Cristiano Ronaldo “ha segnato 15 gol nell’ultima Champions, molti decisivi e di pregevole fattura, noi ne sappiamo qualcosa. Quindi, mi sembra davvero assurdo che non vinca il Pallone d’Oro”. Così il responsabile dell’area sportiva della Juventus, Fabio Paratici, a Sky. “Solo un folle – ha detto il dirigente bianconero – poteva dubitare delle qualità di Cristiano, che è forse il giocatore più importante nella storia del calcio. Lo vedo serenissimo, come sempre in questi mesi alla Juventus”.

  • Leggi anche, quii finalisti del Pallone d’Oro Under 21.