Paralimpiadi, il papà di Giancarlo Masini è morto in un tragico incidente d’auto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Dicembre 2019 16:40 | Ultimo aggiornamento: 16 Dicembre 2019 16:40
Paralimpiadi, il papà di Giancarlo Masini è morto in un tragico incidente d'auto

Paralimpiadi, Giancarlo Masini con Alex Zanardi in un post pubblicato su Instagram

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE – Grave lutto per il campione paralimpico Giancarlo Masini. Il papà è scomparso tragicamente in un grave incidente d’auto lungo la strada che collega Castiglione delle Stiviere con la frazione di Grole. Lo riferisce la gazzettadimantova.gelocal.it. 

La macchina del papà di Giancarlo Masini si è scontrata frontalmente con un furgone. Non c’è stato nulla da fare per Osvaldo Masini, meccanico di 81 anni di moto e motorini che era molto conosciuto in zona non solo per essere il papà del campione paralimpico ma anche per la sua attività di successo.  

Giancarlo Masini fa parte della Nazionale Italiana di ciclismo paralimpico. Come scritto da abilitychannel.tv, Masini approda al ciclismo paralimpico nel 2014: prova prima l’Handbike ma viene subito preso sotto braccio dal Ct della Nazionale Italiana, Mario Valentini, che lo convince a salire in sella e continuare a pedalare con la sua bici nel ciclismo su strada, categoria C1. Viene tesserato nella società “G.S. Giambenini A.S.D. e nel marzo del 2014 è già un’atleta azzurro. Da subito tira fuori la stoffa del campione: partecipa ai Mondiali di Greenville 2014, negli Stati Uniti e conquista il suo primo risultato internazionale: una medaglia d’argento nella cronometro.

Come prosegue abilitychannel.tv, il 2015 è l’anno dell’affermazione per Giancarlo Masini, che tra le altre cose, entra a far parte anche del Gruppo delle Fiamme Azzurre: ai Campionati Italiani su Pista Fci a Forano, nel Lazio si aggiudica due medaglie d’oro, rispettivamente nell’inseguimento individuale e nella gara a chilometro da fermo; conquista tutte le tappe di Coppa Europa; vince una medaglia d’argento nella cronometro alla tappa di Coppa del Mondo a Yverdon les Bains, in Svizzera e un bronzo alla tappa di Coppa del Mondo a Maniago, in Italia. Medaglia che ripete, sempre nella gara a cronometro, poco tempo dopo ai Mondiali di Nottwil 2015, in Svizzera. Una serie positiva di risultati che qualifica il nostro campione azzurro per le Paralimpiadi di Rio 2016.

Un 2016 che inizia alla grande: come scrive abilitychannel.tv, alla tappa di Coppa del Mondo a Ostenda, in Belgio, infatti, conquista un bronzo su strada e una medaglia d’argento nella cronometro. Alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro conquista un bronzo nella crono C1 (fonti gazzettadimantova.gelocal.it e abilitychannel.tv).