Dacci tv la partita quotidiana: ogni sera per 34 giorni il calcio a casa

Pubblicato il 18 Novembre 2011 10:48 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2011 11:26

ROMA – Trentaquattro sere di fila, più di un mese. La tv ha accolto la preghiera dei tifosi più affamati: una partita ogni sera, sempre in diretta tv naturalmente. Serie A e Bwin, Champions, Europa League, Coppa Italia. Si inizia stasera, venerdì, con l’anticipo di B Livorno-Ascoli. Preparate i divani e la birra ghiacciata, pronti a un forsennato zapping tra Sky (che ha il pacchetto campionati e Champions), Mediaset (che ha un po’ tutto con l’esclusiva Europa League), Rai (la Champions il mercoledì) e La7 (con la Coppa Italia).

Una raffica di appuntamenti da indigestione, eccone alcuni: sabato 19 Fiorentina-Milan e Napoli-Lazio, domenica Roma-Lecce, mercoledì 23 Milan-Barcellona per la Champions, sabato 26 Lazio-Juve, a dicembre troviamo sabato 3 Inter-Udinese, Inter-Cska Mosca il 7, Cagliari-Parma sabato 10 e Roma-Juve il 12. E ancora, il 16 Livorno-Brescia, il sabato 17 c’è Milan-Siena e mercoledì 21 gran finale con sette partite di serie A. Tutte le partite sono alle 20,45, solo alcune sono alle 19 oppure alle 21,05 o 21,15.

Il calcio si arrende alle tv e il calendario assomiglia sempre più a un palinsesto delle partite. Si gioca al buio e al freddo, con maggior probabilità di pioggia, nebbia, nonché di infortuni per i giocatori, ma si sa la stagione tv è così. Studiata non per chi il calcio lo deve giocare ma per chi lo deve gustare da casa, dal divano, proprio in quelle sere in cui di uscire non si vuole nemmeno sentir parlare. Un calendario da qui a Natale che farà la felicità dei tifosi, un po’ meno per i non appassionati che ogni sera accendendo la tv vedranno un campo verde e sussurreranno un sommesso “basta…”.