El Pocho a Sorrentino: “Perché ci sposiamo giovani? Per contenerci”

Pubblicato il 1 Dicembre 2011 17:14 | Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre 2011 17:16

NAPOLI – “Come si fa una rovesciata?”. Il regista Paolo Sorrentino l’ha chiesto al calciatore argentino del Napoli Ezequiel Lavezzi, detto El Pocho.  L’intervista pubblicata su GQ  è “This must be the Pocho”, che riprende il titolo di “This must be the place”, ultimo film di Sorrentino. Il regista, tifoso del Napoli, ha applaudito al calciatore che l’ha eseguita per lui nella suite dell’Hotel Vesuvio, luogo dell’incontro.

Lavezzi ha rivelato a Sorrentino: “Ho 25 anni, ma sono più maturo di tutti gli altri che hanno 25 anni”, e gli ha spiegato che il matrimonio in giovane età serve per “contenersi”. Alla domanda se i calciatori parlano mai del giorno in cui lasceranno i campi, l’attaccante argentino risponde: “Mai, nessuno ama parlare di queste cose”.

Parlando del calcio Lavezzi rivela:  “Hamsik è quello tecnicamente più dotato. Sai quanti ne ho visti in Argentina? Erano fortissimi, giocavano che mettevano paura, te li aspettavi in nazionale ma neanche arrivavano nelle serie minori. Tutti rimasti al paesello, nessuna applicazione. La testa è tutto. Posso essere stanco, ma se ci sto con la testa gioco bene. Quando entro in campo so subito se giocherò bene o male perché so come sto con la testa. Non mi dico mai che sono forte, mi dico che non sono superiore ma neanche inferiore agli altri”.

Il calciatore ha poi commentato il pareggio con la Juventus: “Dispiace per il risultato, avremmo dovuto gestire meglio il risultato ma dobbiamo continuare su questa strada”.