Atalanta-Juventus, Emre Can con la mano: niente rigore per Rocchi e per il VAR

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 23 Novembre 2019 17:24 | Ultimo aggiornamento: 23 Novembre 2019 17:24
Rigore Atalanta Juventus Emre Can mano Rocchi var

Mano in area di Emre Can, arbitro Rocchi non ha assegnato il rigore (fermo immagine Sky Sport)

BERGAMO – La Juventus ha vinto tre a uno in rimonta sul campo dell’Atalanta ma i padroni di casa hanno protestato a lungo per due episodi arbitrali che andremo ad analizzare di seguito. Partiamo dalla mano di Emre Can. Nella ripresa, i bergamaschi hanno chiesto un rigore per un tocco con la mano, nella sua area, di Emre Can. L’arbitro Rocchi è andato a visualizzare l’episodio al monitor del var a bordo campo ma poi ha deciso di non assegnare il rigore ai padroni di casa. 

Perché ha preso questa decisione? Perché sul cross dell’Atalanta, il pallone va a sbattere prima sullo scarpino di Emre Can e poi sulla sua mano. Se il pallone avesse toccato direttamente la mano, l’arbitro avrebbe assegnato il rigore all’Atalanta. Visto che la palla ha prima toccato un’altra sua parte del corpo, cioè il piede, l’arbitro ha optato per l’involontarietà. 

Rocchi ha invece commesso un grave errore in occasione del gol della rimonta della Juventus. L’azione è viziata da un netto fallo con la mano di Cuadrado. Poco dopo sarà lo stesso colombiano ha crossato per il tocco vincente da due passi di Higuain. In questo caso, l’arbitro ha sbagliato ma è stato penalizzato soprattutto da una “dormita” dei suoi assistenti che stavano seguendo la partita nella stanza del var. 

L’arbitro Rocchi non ha visto il fallo di mano, i suoi assistenti non gli hanno segnalato nulla, quindi non ha potuto fare altro che far proseguire l’azione. Per sua sfortuna, questa azione ha praticamente regalato la vittoria alla Juventus tra la furia dei tifosi di casa.