Roger Milla: “A Italia ’90 un complotto per non far passare il Camerun”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Ottobre 2014 15:35 | Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre 2014 15:35
Roger Milla: "A Italia '90 un complotto per non far passare il Camerun"

Roger Milla a Italia ’90

ROMA – Roger Milla, il bomber del Camerun, in gol a 42 anni ad Usa ’94, si racconta alla Gazzetta dello Sport: “La Samp non mi prese nel 1981. A Italia ’90 ci fu un complotto per non farci passare contro l’Inghilterra”.

I suoi idoli?

“Pelé su tutti, e dopo in Europa ho scoperto il grande Cruijff dell’Ajax. Peccato che il grande calcio mi abbia scoperto solo a 30 anni nell’82, ci fossimo qualificati prima avrei fatto più strada, avrei fatto più gol di Graziani e Altobelli. Se fossi andato prima al Mondiale sarei diventato il più grande dopo Pelé! Ma non ho rimpianti, ognuno ha il suo destino”.

Dove avrebbe voluto giocare?

“In Italia, Germania o Inghilterra, i tornei più duri, coi difensori più tosti, sarei migliorato. Nell’81, ero da un anno a Bastia, so che mi cercò la Sampdoria, ma i club non si misero d’accordo, la Samp offriva poco”.

Lei ha continuato fino a Usa ’94, fino a 42 anni…

“Non mi sarei mai immaginato di esserci! Sono andato avanti anno per anno, mi sentivo sempre bene e in forma, avevo voglia. Nell’89-90, a 38 anni, mi ero ritirato, ero andato a giocare alla Reunion (nell’Oceano Indiano, ndr) e avevo lasciato la nazionale dopo il successo in coppa d’Africa ’88. Ma la gente mi ha chiesto di tornare per Italia 90; il Camerun aveva un solo centravanti, Omam-Biyik, che non era un centrale d’attacco, ma più una seconda punta”.

Il Camerun in quell’occasione arrivò ai quarti ma fu eliminato dall’Inghilterra: rimpianti?

“Tanti. Sono entrato nel 2° tempo (sullo 0-1), ho creato l’azione del rigore dell’1-1 per fallo di Gascoigne, ho dato l’assist per il 2-1 di Ekéké, poi pareggiarono su rigore a pochi minuti dalla fine e il 3-2 arrivò ai supplementari con un altro rigore inventato da Codesal: Lineker si era buttato. Saremmo potuti arrivare in finale. Credo che ci sia stato un complotto per non farci passare, noi non eravamo nessuno, l’Inghilterra invece faceva audience. L’arbitro mi parse troppo felice al fischio finale”.

Il portiere Mondragon della Colombia le ha tolto il record di giocatore più vecchio ad un Mondiale…

“Ma non conta! L’hanno messo in campo 5 minuti, non ha toccato palla, io con la Russia ho segnato. È stato offensivo per Mondragon. Allora voi potevate schierare 2 minuti Zoff…”