Roma, buche battono Giro d’Italia, tappa finta per non cadere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 maggio 2018 9:57 | Ultimo aggiornamento: 28 maggio 2018 9:57
Roma, buche battono Giro d'Italia, tappa finta per non cadere

Roma, buche battono Giro d’Italia, tappa finta per non cadere

ROMA – La festa va in onda solo a metà, nel cuore della Roma imperiale. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] E’ a pochi metri dal Colosseo che Chris Froome trionfa per la prima volta al Giro d’Italia, immerso nella maestosità della grande bellezza. Doveva essere una passerella suggestiva, in quel museo a cielo aperto che è il centro della Capitale del mondo, si è trasformata nella salita più dura sul piano dell’immagine, come nemmeno il Colle delle Finestre, lo sterrato dove si è decisa la corsa rosa.

Lo show è stato offuscato dal grottesco, i 149 superstiti di una scorribanda di tre settimane tra Gerusalemme e Roma, avevano immaginato un finale diverso. Per esempio quello di gareggiare l’uno contro l’altro, invece di mettersi d’accordo per una scampagnata a causa di un manto stradale infame, lo stesso sperimentato ogni giorno dai romani. Che conoscono bene la difficoltà di guidare tra sampietrini sconnessi facendo lo slalom tra buche e voragini.

Dopo pochi chilometri, i corridori hanno cominciato a parlare fra loro, quindi con i giudici di gara, rappresentati da Rossella Bonfanti. Vari conciliaboli con Elia Viviani (“quello che vogliamo è che l’ultimo giorno di corsa il tempo sia neutralizzato, perché non si può perdere un giro all’ultima tappa. Effettivamente serviva un po’ più di sicurezza”), favorito nello sprint odierno, quindi fra il veneto in maglia ciclamino e Chris Froome, la maglia rosa.

Detto, fatto. La corsa, sul piano dei riscontri cronometrici, si ferma al terzo passaggio. La figuraccia è servita in un afoso pomeriggio di fine maggio. “Buche e sampietrini? Sì, ma quello di oggi è un giorno di festa. C’è chi vuole far credere che si sia interrotta la corsa, quando invece i corridori hanno completato tutti i giri. Spiace il tentativo di trasformare tutto in una continua polemica. Resta un momento di sport ad altissimo livello”, minimizza la sindaca Virginia Raggi, che punta l’indice contro chi strumentalizza la vicenda.

Che, per la direzione del Giro, resta “un fatto sportivo”. “Il Giro – fa notare la direzione di corsa – ha avuto 20 giorni per dichiarare il vincitore finale. Abbiamo scelto Roma e il suo percorso, perché voleva essere e vuole essere la passerella di un grande Giro: riteniamo che questa scelta valorizzi l’edizione 101”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other