Roma: con Caprari è partito il progetto giovani

Di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 9 Marzo 2011 10:32 | Ultimo aggiornamento: 9 Marzo 2011 10:32

Gianluca Caprari, esordio in Champions League a 17 anni

ROMA- Aria di rifondazione in casa Roma.

Non è possibile presentarsi in campo con una formazione in cui 7/8 undicesimi sono composti da calciatori che giocavano con la casacca giallorossa già 6 anni fa.

Squadra stanca mentalmente, logora fisicamente, spremuta e priva di motivazioni.  Calciatori viziati con la mente già proiettata al post-carriera agonistica.

Calciatori che stanno cercando di strappare l’ultimo ingaggio importante della loro carriera.

In questo scenario oscuro l’unica luce è rappresentata dal formidabile settore giovanile.

In attesa dei milioni di euro degli americani, gli unici calciatori che possono sostituire le “mummie” giallorosse sono i ragazzi della Primavera.

Talenti veri e puri che altrove, vedi Premier League Inglese, giocherebbero dal primo minuto e non dovrebbero accontentarsi di elemosinare 5 o 10 minuti.

I ragazzi in rampa di lancio sono: Federico Viviani, mediano che ricorda il carattere ed il temperamento di Roy Keane, Gianluca Caprari, ala che da tempo mancava alla Roma; tutta tecnica e dribbling, e Amato Ciciretti, trequartista molto bravo a verticalizzare il gioco.