Roma, Cristante fuori fino al 2020. Kalinic out tre settimane

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Ottobre 2019 11:59 | Ultimo aggiornamento: 21 Ottobre 2019 11:59
Bryan Cristante, Ansa

Bryan Cristante (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Bryan Cristante rischia di restare fermo fino al 2020. Le conferme arriveranno solo nel pomeriggio ma sembra che al centrocampista della Roma sia stato riscontrato un problema ad un tendine del pube e questo vuol dire che potrebbe anche essere operato. 

Se confermata la diagnosi iniziale, Cristante, come spiega la Gazzetta dello Sport, lo rivedremo in campo direttamente nel 2020.

Kalinic, anche lui uscito dal campo durante la dura trasferta di Genova, starà fermo per tre settimane. I primi esami parlano di lesione di primo grado al collaterale mediale del ginocchio sinistro.

La Roma ai minimi termini.

Al momento la truppa di Fonseca ha fuori per infortunio, oltre a Diawara e Pellegrini, anche Ünder e Mkhitaryan e contro il Milan non avrà anche Kluivert, squalificato.

Un elenco interminabile, così, giustamente, Il Tempo definisce la lista degli infortunati in casa Roma.

Ecco l’elenco stilato dal Tempo:

Perotti (lesione miotendinea al retto femorale), Spinazzola (distrazione al bicipite femorale e riacutizzazione del dolore ad una vecchia cicatrice al flessore), Zappacosta (lesione al soleo), Under (lesione al bicipite femorale), Smalling (affaticamento all’adduttore), Pellegrini (frattura del quinto metatarso del piede), Mkhitaryan (lesione tendinea all’adduttore), Zappacosta (rottura del legamento crociato del ginocchio), Diawara (lesione al menisco mediale del ginocchio) e Dzeko (doppia frattura all’arco zigomatico).

Oltre a loro, spiega il Tempo, c’è anche “Pastore ha avuto qualche fastidio al polpaccio nel ritiro estivo, Pau Lopezha riposato in Austria per un leggero affaticamento accusato con il Lecce, Florenzi ha saltato due partite e non ha risposto alla chiamata della Nazionale per l’influenza e infine Cetin si è dovuto sottoporre all’estrazione del molare del giudizio destro, un problema che gli aveva causato una forma virale alle prime vie aeree”.

Fonte: La Gazzetta dello Sport, Il Tempo.