Crisi Roma. Di Francesco: “Non mi dimetto”, Monchi: “Fiducia al tecnico e scuse ai tifosi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 gennaio 2019 21:33 | Ultimo aggiornamento: 30 gennaio 2019 21:34
Crisi Roma. Di Francesco: "Non mi dimetto", Monchi: "Fiducia al tecnico e scuse ai tifosi"

Crisi Roma. Di Francesco: “Non mi dimetto”, Monchi: “Fiducia al tecnico e scuse ai tifosi” ANSA/MAURIZIO DEGL’INNOCENTI

FIRENZE – “Oggi è il giorno più doloroso della mia storia di ds. Mai vissuto una cosa così, una partita del genere è dura e ora possiamo solo chiedere scusa a tutti i tifosi della Roma, quelli che erano qui e quelli che stavano a casa”. Monchi, ds della Roma, è affranto nel commentare, dai microfoni di Roma Tv, la disfatta di Firenze. “Immagino come possano stare oggi i tifosi – aggiunge – e io posso solo ripetere ‘scusa, scusa e scusa’.

Ma oggi non è il giorno per fare valutazioni. Dobbiamo aspettare, riflettere e chiedere scusa”. “Non credo che qualcuno dei giocatori volesse fare così male – dice Monchi -, è che a volte ti riesce tutto storto. Prima della partita sono andato negli spogliatoi e tutti volevano vincere, era un match importante per la nostra crescita. Invece abbiamo fatto questa brutta figura”. “Oggi nessuno è felice, o tranquillo – conclude il ds della Roma -, ma per stare insieme ai giocatori e allo staff tecnico. E non credo sia il giorno giusto per punire di più”.

Di Francesco: “Non mi dimetto dopo Fiorentina-Roma 7-1”

Le dichiarazioni di Di Francesco dopo l’umiliazione di Firenze. Il tecnico è stato chiaro, non ha alcuna intenzione di dimettersi. Le sue parole sono riportate dalla Gazzetta dello Sport. “Non voglio fare valutazioni a freddo, il mio stato d’animo non è dei migliori, le riflessioni si faranno in queste ore ed io farò le mie. Voglio capire, parlare, e riflettere. Questa partita ha legittimato cose già viste in questa annata. Voglio entrare nella testa dei ragazzi e capire come siamo.

Dimissioni? Non voglio dare titoli, lasciamo perdere questi discorsi, nella mia testa non c’è mai questo pensiero. La cosa che mi dispiace di più è che nel momento difficoltà si perde la testa. Non dimostriamo unione ma il contrario. Mi meraviglio perché si parla sempre di alibi, basta, guardiamoci in faccia e vediamo che prestazione abbiamo fatto. Inutile parlare di cambi o di scelte. Così non va e non può continuare”.

E il tracollo di Firenze non ha bisogno di alcun commento: “Credo che ogni commento sia superfluo, sia a livello tecnico che tattico. C’è solo da chiedere scusa, mi metto davanti io come responsabilità perché sono il primo ad averne. È stata una pessima prestazione sotto tutti i punti di vista”.

LEGGI ANCHE:
Classifica, calendario, risultati e marcatori del campionato di Serie A.
Come funziona l’abbonamento a Dazn per vedere le partite di Serie A.
I siti legali dove vedere in streaming le partite di calcio.