Roma, infortuni Kalinic e Cristante: ecco cosa si sono fatti

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 20 Ottobre 2019 19:29 | Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre 2019 19:29
Roma infortuni Kalinic Cristante ecco cosa si sono fatti

Roma, Cristante nella foto Ansa

ROMA – La “maledizione infortuni” si abbatte sulla Roma. Nel corso del primo tempo di Sampdoria-Roma, match terminato sul risultato di zero a zero, la Roma ha dovuto sostituire Bryan Cristante e Nikola Kalinic per infortunio. Bryan Cristante è uscito dopo appena sei minuti di gioco per un problema al pube, mentre Nikola Kalinic è uscito dal campo al 45′ per una forte contusione al ginocchio. 

L’infortunio di Bryan Cristante è stato un fulmine a ciel sereno per i giallorossi perché l’azzurro era stato uno dei pochi a non farsi mai male. Sembrava l’unico centrocampista “sano” della rosa. E invece anche lui ha dovuto alzare bandiera bianca per infortunio. La sua partita è durata appena sei minuti. 

Cristante ha accusato un problema al pube che non gli ha permesso di restare in campo perché non era più nelle condizioni di correre. La sua condizione fisica verrà valutata con attenzione nei prossimi giorni. Si tratta di un infortunio piuttosto grave per mister Fonseca perché i giallorossi hanno già fuori per infortunio Lorenzo Pellegrini e Diawara. 

Nell’immaginario del tecnico portoghese, il centrocampo titolare doveva essere formato da Bryan Cristante, Lorenzo Pellegrini e Jordan Veretout. Adesso due su tre sono out per infortunio e lo stesso Veretout ha iniziato la sua stagione con problemi fisici ma adesso è completamente recuperato. 

Visto che è out anche Diawara, Fonseca sarà costretto a schierare un centrocampo con gli unici tre calciatori rimasti: Veretout, Zaniolo e Pastore. Sia Zaniolo che Pastore sono adattati a centrocampo perché sono due calciatori che si muovono meglio come trequartisti. 

Kalinic invece è uscito dal campo per una forte contusione al ginocchio. Ha provato a rimanere sul terreno di gioco, anche perché Dzeko non era nelle condizioni di scendere in campo, ma non ce l’ha fatta. Quindi Dzeko è dovuto scendere in campo con una maschera protettiva ma non ha potuto saltare di testa e non ha potuto fare contrasti. Era in campo per dovere di firma.