Derby, De Rossi: “Nessuno meritava il gol più di Balzaretti”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 settembre 2013 10:15 | Ultimo aggiornamento: 23 settembre 2013 10:15
Derby, De Rossi: "Nessuno meritava il gol più di Balzaretti"

De Rossi abbraccia Balzaretti a fine derby (LaPresse)

ROMA – Daniele De Rossi, centrocampista della Roma e della Nazionale, è intervenuto ai microfoni dell’emittente radiofonica “Tele Radio Stereo”, a poche ore dalla vittoria nel derby.

“Che sapore ha questa vittoria? E’ quello di sempre, forse anche qualcosina in più per il tempo che abbiamo aspettato. La squadra sta diventando una cosa bella.”

Quando hai capito che c’era qualcosa di diverso? “Ho capito che c’era qualcosa di interessante da scoprire sull’allenatore quando ha difeso in maniera forte e pubblica Osvaldo. Anche i sassi sapevano che voleva andare via, ma lui si è preso la responsabilità di difenderlo. I nostri tifosi erano arrabbiati e delusi, ma l’allenatore che mette il gruppo prima di tutto è importante. Le basi sono già buone.”

Come l’avete preparato questo derby? “I giorni prima hanno quell’ansia. Poi c’era questo morto sulle spalle, che probabilmente resterà, del 26 maggio. Una squadra arrabbiata, anche i nuovi hanno capito. E sono tutte sensazioni molto belle.”

Sul gol di Balzaretti: “Due secondi prima lui aveva preso il palo. Mi ero detto che a questo ‘poraccio’ gli aveva detto male anche stavolta. Siamo legati in maniera intensa, le famiglie sono amiche. Nessuno si meritava questo gol più di lui, nemmeno io. Ha dato meno di quello che poteva dare, sa che poteva dare di più, ha mangiato tanto fango e si meritava tutto. Non ha fatto il giocatore medio che si stranisce per i fischi. Sui nostri rendimenti si può sempre discuteere, sono distorti dai risultati. Ha fatto di meno, lo posso dire di me e del 99% dei giocatori che hanno giocato negli anni scorsi. Aldilà del ragazzo, come giocatore lo merita.”

Si avverte una caratura diversa della squadra? Con Strootman e Maicon… “Quando si alza l’età media e si mettono dentro giocatori importanti, le cose cambiano. I giocatori che stannio fuori fanno la differenza: Burdisso, Marquinho, Taddei, Borriello, Bradley. Potrebbero farei titolari ovunque, ma stanno lì senza fare mugugni e dimostrano di essere grandi calciatori e grandi persone.”

Quel salvataggio al 91′: un calciatore ha tempo di capire cosa sta succedendo in un momento simile? “Lì sì. Hai anche un secondo per imprecare, per smadonnare, per vedere che va in porta e che per sta per tirare. Sai che stanno 10 contro 11. Sai che hai perso i derby, sarebbe stata una mazzata incredibile, con l’inerzia da parte nostra.”

Sui tifosi della Roma. Hai percepito un po’ di distanza? “La cosa più brutta è stata la preparazione a questo campionato. Non poter dare dimostrazione che volevamo farli tornare a sorridere… era un aspettare qualcosa che loro meritavano. Già all’Open Day, prendere così pochi insulti è stato un miracolo. Ne abbiamo preso qualcuno, ma manco troppo avvelenato. La risposta è stata grande, loro poi sono così: hanno dimostrato il loro orgoglio, la fierezza che non riscontro in nessun’altra tifoseria. In maniera onesta lo dico: c’era orgoglio nella coreografia di ieri.”