La Roma non si arrende: fissato il premio scudetto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 gennaio 2014 11:52 | Ultimo aggiornamento: 7 gennaio 2014 11:52

SOCCER: SERIE A, ROMA - TORINOROMA  – Una discussione che arriva nel momento più difficile, subito dopo la prima sconfitta della stagione, i tre schiaffi rimediati allo Juventus stadium. Ma la Roma non vuole mollare e così, proprio per dare un segnale, la società ha deciso di discutere i premi scudetto. Tutto quando la Juve ha un vantaggio di 8 punti più lo scontro diretto.

Il 6 gennaio una ristretta delegazione di giocatori della Roma, con in testa Totti e De Rossi, è stata ricevuta dal dg Mauro Baldissoni per discutere dei premi scudetto. La questione era in calendario da tempo e si sarebbe potuta affrontare nelle prossime settimane, ma il club ha voluto mandare un preciso segnale alla squadra dopo il pesante ko in casa Juve: i giocatori sono stati ‘convocati’ al termine dell’allenamento di Trigoria per chiudere la questione e ripartire.

All’incontro tra dg e giocatori non ha preso parte il ds Sabatini, impegnato lontano dalla Capitale per le trattative di mercato. In dirittura d’arrivo quella col Cagliari per il centrocampista Radja Nainggolan.

Buone notizie anche dall’infermeria: Miralem Pjanic ha effettuato in mattinata degli accertamenti che hanno escluso lesioni capsulo-legamentose al ginocchio destro. Ulteriori indagini strumentali saranno poi svolte nelle prossime 24/48 ore.

Sicuro il forfait del bosniaco per l’impegno in Coppa Italia di giovedì all’Olimpico contro la Sampdoria, mentre Garcia spera di riavere il giocatore a disposizione col Genoa in campionato visto che già dovrà fare a meno dello squalificato De Rossi.