Roma, Florenzi pronto al rinnovo: guadagna 30mila euro all’anno

Pubblicato il 4 settembre 2012 12:53 | Ultimo aggiornamento: 4 settembre 2012 12:59
Alessandro_Florenzi_Roma

Alessandro Florenzi (LaPresse)

ROMA – Alessandro Florenzi, giovane centrocampista della Roma, guadagna attualmente il minimo sindacale, quei 30mila euro netti all’anno (2.500 lordi al mese) che sembrano irrisori a pensare agli stipendi di molti dei suoi colleghi, che magari mettono raramente piede in campo.

PER GUARDARE LA CLASSIFICA DEI GIOCATORI PIU’ PAGATI AL MONDO CLICCA QUI

Il centrocampista giallorosso, promosso da Zdenek Zeman in prima squadra dopo un anno “a far le ossa” a Crotone, è in scadenza di contratto nel giugno del 2013. L’intenzione è quella di prolungare l’accordo e ritoccare naturalmente verso l’alto lo stipendio, lo stesso della stagione 2010-2011, quando giocava nella Primavera della Roma, annata che si concluse con la vittoria dello scudetto giovanile e il debutto in Serie A contro la Sampdoria come sostituto di Francesco Totti nei minuti finali.

Florenzi, nella scorsa stagione, ha giocato un campionato di Serie B da protagonista a Crotone, con la formula della comproprietà. Gli venne anche riconosciuto un aumento a 70mila euro e il giovane giallorosso non deluse le attese diventando il miglior giocatore del campionato segnando 11 reti in 35 apparizioni e a volte venendo addirittura schierato nel ruolo di terzino destro. Grandi prestazioni che lo hanno portato ad essere una colonna stabile della nazionale Under21. A fine stagione è tornato a Roma con un Walter Sabatini determinato a riportare “a casa” il ragazzo. Il riscatto però è costato alle casse giallorosse: un milione di euro più metà del cartellino di Pettinari.

Proprio nella giornata di ieri, dopo la bella prestazione di Milano contro l’Inter dove Florenzi ha siglato il momentaneo vantaggio romanista, ha parlato il suo agente, Alessandro Lucci: “Alessandro ha la fame giusta, la voglia di dare sempre tutto per migliorarsi e da romanista qual è il rinnovo non sarà un problema.”