Roma, Burdisso: “Sarà l’anno di Lamela. Ibra e Thiago Silva via? Spero di no”

Pubblicato il 12 luglio 2012 13:29 | Ultimo aggiornamento: 12 luglio 2012 13:48
Burdisso_Roma

Burdisso (LaPresse)

ROMA – Dopo il brutto infortunio che lo ha lasciato fuori nella scorsa stagione, Nicolas Burdisso è tornato, pronto ad iniziare una nuova avventura con la Roma di Zeman. Il difensore argentino ha così parlato nella conferenza stampa nel ritiro di Riscone di Brunico: “Le sensazioni sono più che positive, sicuramente un ritiro così intenso non l’avevo mai fatto, forse all’inzio della carriera in Argentina. Siamo tutti consapevoli che dobbiamo lavorare di più e dare il massimo. L’avete visto in questi giorni, si sta cercando di arrivare al top fisicamente.”

Burdisso ha espresso le sue sensazioni su chi, tra i giallorossi, potrebbe essere la rivelazione nella stagione che verrà: “Deve essere il suo anno, l’anno di Lamela. E lui lo sa, è un ragazzo intelligente. Lo sa Osvaldo, anche Pjanic e Bojan. Ma loro due in particolare sanno più degli altri che devono far vedere il calcio che fanno sempre, ne abbiamo bisogno. Può aiutare per cambiare una stagione. Tutti pensano che sarà un anno di tranisizione o simile alla scorsa stagione, noi ci aspettiamo tutt’altro.”

Infine, a chi gli domandava della possibile cessione di Ibra e Thiago Silva al Psg, ha risposto così: “Mi dispiace per il calcio italiano perché in passato c’era Maradona, c’erano i migliori, il mercato italiano era il top. Adesso è ben diverso. Ma in Italia servono campioni come Ibra, come Thiago Silva e mi auguro che restino per fare più bello il calcio italiano e per avere anche un campionato più spettacolare.”