Un romanista a Bergoglio: “Noi vinciamo sempre, non a ogni morte di Papa”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 gennaio 2014 17:36 | Ultimo aggiornamento: 8 gennaio 2014 17:36
Un romanista a Bergoglio: "Noi vinciamo sempre, non a ogni morte di Papa" (Ansa)

Un romanista a Bergoglio: “Noi vinciamo sempre, non a ogni morte di Papa” (Ansa)

ROMA – Simpatico siparietto calcistico nel corso del giro all’interno del colonnato berniniano di Papa Francesco. Ne parla Il Sole 24 Ore. Riportiamo una piccola parte dell’articolo.

… Tra i fedeli che hanno salutato il Papa con urla, gesti delle braccia, cori, anche un gruppo di tifosi della Roma.

Un ragazzo da lontano gli ha detto, a mo’ di battuta, «noi vinciamo sempre, non a ogni morte di Papa». E il Papa, senza scomporsi, ha indirizzato al gruppo il suo invito consueto: «Pregate per me».

Oltre a questo fuori programma calcistico questa mattina ce n’era uno previsto: infatti Papa Francesco, al termine dei saluti iniziali ai fedeli, ha salutato e scambiato alcune parole con il presidente della Cei e arcivescovo di Genova, il cardinale Angelo Bagnasco. Il porporato ha presentato al Pontefice alcuni sacerdoti della Diocesi di Genova e i calciatori della squadra di calcio della Sampdoria. Tra questi il calciatore Eder che ha regalato al Papa la sua maglia.Un’udienza, quella di oggi, in cui ha dedicato il suo discorso (formalmente una “catechesi”) al battesimo, invitando tutti i fedeli a cercare di ricordarsi la data del loro battesimo…“.