Sabatini su Benatia: “Ho venduto il suo simulacro, non il monolite”

di Filippo Limoncelli
Pubblicato il 12 settembre 2014 17:25 | Ultimo aggiornamento: 12 settembre 2014 17:25
Sabatini e Benatia: "Ho venduto il suo simulacro, non il monolite"

Sabatini (LaPresse)

ROMA – Walter Sabatini ormai è conosciuto, oltre che per essere uno dei maghi del calciomercato, anche per le sue citazioni letterarie, frasi ad effetto e terminologie volutamente complesse.

Nella conferenza stampa di giovedì 11 settembre, Sabatini ha affrontato varie tematiche: dal mercato della Roma, al “caso Maicon” e, soprattutto, della cessione di Mehdi Benatia. E regalato l’ennesima affermazione non banale.

“Benatia ha accettato la nostra offerta più bassa nel 2013 rispetto ad un alto club italiano che l’anno scorso offriva molto di più. A gennaio di quest’anno mi ha detto di voler rimanere solo a certe condizioni, visto che aveva molte offerte. Senza quelle si sarebbe sentito offeso. Gli ho detto che avremmo offerto un adeguamento molto consistente, ma i soldi chiesti da lui non potevamo né volevamo darli. Parlavo di 60 milioni, del monolite Benatia che ci aveva dato cose eccezionali. L’ho venduto alla metà, ma abbiamo venduto il suo simulacro, non aveva più voglia e determinazione”.