Roma, striscioni contro Pallotta in tutto il mondo: anche a Parigi e Copenaghen

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 19 Maggio 2019 16:37 | Ultimo aggiornamento: 19 Maggio 2019 16:38
Roma, striscioni contro Pallotta in tutto il mondo: anche a Parigi e Copenaghen

Roma, striscioni contro Pallotta in tutto il mondo: anche a Parigi e Copenaghen (foto archivio Ansa)

ROMA – Una contestazione globale. I tifosi della Roma, stufi di dieci anni senza trofei e infuriati per l’addio di Daniele De Rossi, hanno iniziato a contestare James Pallotta in tutti i modi possibili ed in tutti i luoghi del mondo. Sono apparsi striscioni contro il presidente americano negli Stati Uniti (a Boston, New York e Miami), in Australia (a Sydney), in Francia (a Parigi), in Inghilterra (a Londra) e in Danimarca (a Copenaghen). Striscioni che vanno ad aggiungersi a quelli che hanno tappezzato la città di Roma e tutti gli stadi dove sono stati scena i tifosi giallorossi. 

Roma, rottura totale tra James Pallotta ed i tifosi giallorossi di tutto il mondo.

I romanisti contestano  a James Pallotta sia l’assenza di trofei che il suo modo di fare. Nel corso di questi anni, ha venduto i calciatori migliori e non ha avuto rispetto neanche per le bandiere del club trattate come dei semplici numeri, come dei calciatori qualsiasi.

A  De Rossi, l’addio è stato comunicato solo a due giornate dal termine del campionato dopo un anno fatto di silenzi assordanti. Lo ha svelato lo stesso capitano della Roma in conferenza stampa davanti ad un Fienga rimasto in silenzio. Chi tace acconsente e questo ha scatenato la rabbia dei tifosi romanisti.