Roma, un infortunio dopo l’altro: si ferma Under per problema al bicipite femorale della coscia destra

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Settembre 2019 18:57 | Ultimo aggiornamento: 5 Settembre 2019 18:57
Roma Under infortunio in Nazionale ecco di cosa si tratta

Under con la maglia della Roma (foto Ansa)

ROMA – L’infermeria della Roma si riempie. Dopo Spinazzola, Perotti e Zappacosta, è stato oggi il turno di Cengiz Under fermarsi per un problema muscolare. L’attaccante turco si è infatti infortunato in allenamento con la nazionale per un infortunio al bicipite femorale della coscia destra. Il giocatore, fa sapere la federcalcio turca, non prenderà parte ovviamente ai match della sua nazionale e domani tornerà a Trigoria, dove verrà valutata l’entità dell’infortunio e inizierà il percorso riabilitativo.

Roma, non solo l’infortunio di Under ma anche la presentazione di Kalinic. 

Tutte le parole del nuovo acquisto giallorosso Nikola Kalinic, nella sua conferenza stampa di presentazione.

Benvenuto alla Roma, ci racconti come è nata la trattativa?

“Sono molto contento di essere qui. Per me la Roma è una grande squadra, un grande Club con grande storia. È una nuova avventura e spero di fare bene”.

Quali sono i tuoi obiettivi personali? E quelli di squadra?

“Prima voglio fare una stagione senza infortuni, perché negli ultimi due anni non ho giocato molto. Quest’anno voglio giocare di più. Guarderemo partita per partita, non dico che vinceremo l’Europa League o altro. La Roma vuole giocare la Champions, impegnandoci partita per partita vedremo cosa succede.

A volte questa squadra è stata accusata di avere un difetto di personalità la squadra. Pensi che la Roma ti abbia scelto per apportare carattere al gruppo?

“Ho già giocato in Serie A e ho esperienza in questo Campionato. Qui ci sono anche tanti altri importanti calciatori e grandi attaccanti, come Dzeko che ha giocato sempre ben negli ultimi anni. Spero di poter fare altrettanto bene”.

Dzeko ha giocato una media di 45 partite a stagione da quando è qui. Pensi di poter trovare posto?

“Dipende come giochiamo, per me lui è un grande attaccante. Sarà il mister a decidere se giocheremo con una o due punte. Io sono qui per lavorare e vedremo cosa succederà. Se ho sentito Dzeko? Sì, ci ho parlato tutti i giorni e mi ha convinto”.

Pensi di poter coesistere con Edin Dzeko?

“In tutti i ruoli davanti mi trovo bene. Con Sousa ho giocato a sinistra. Posso giocare sia a due punte, sia con altri sistemi di gioco. All’Atletico si giocava con una punta, Simeone è molto concentrato sulla tattica e sul contropiede. Per me è stata comunque una buona esperienza”.

Credi di ci siano delle similitudini tra Fonseca e il tuo ex allenatore Paulo Sousa? Pensi di poter migliorare qui?

“Conosco bene mister Fonseca, perché ha giocato nello Shakhtar e anche io ho giocato in Ucraina. Penso che sia molto simile a livello di gioco rispetto a Sousa, avremo tanto possesso palla e mi piace questo stile di gioco” (fonti, Ansa e il sito internet ufficiale della Roma).