Rooney si diverte con una cameriera a Washington mentre la moglie litiga su Instagram con Rebekah Vardy

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 14 Ottobre 2019 19:30 | Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre 2019 19:30
Rooney cameriera moglie Vardy Coleen lite su Instagram spifferi Sun

Rooney si diverte con questa cameriera di Washington

WASHINGTON (STATI UNITI) – Wayne Rooney è tornato in Inghilterra per entrare nello staff tecnico del Derby County, primo passo verso la futura carriera da allenatore. Ma nel tempo libero Rooney torna volentieri a Washington, dove giocava fino a poco tempo fa, per divertirsi nei locali di tendenza della Capitale degli Stati Uniti. Soprattutto quando in casa l’aria è pesante per la lite tra sua moglie Coleen e la compagna di Jamie Vardy. 

Solamente che Rooney quando si trova in un locale tende sempre a comportarsi in maniera poco sobria tra drink e belle donne. Su Instagram sono spuntati alcuni video, raccolti in questo filmato YouTube in fondo all’articolo, che lo ritraggono insieme ad un’avvenente cameriera. Questo ha scatenato l’ironia del popolo dei social network che ha scritto: “Occhio che ti vede Rebekah Vardy…”. 

Per spiegare il significato di questa battuta, dobbiamo tornare indietro di qualche giorno. Coleen Rooney e Rebekah Vardy erano amiche per la pelle finché la moglie di Rooney non ha iniziato a sospettare di lei. Secondo Coleen, lady Vardy l’ha tradita passando alle riviste di gossip notizie riservate sulla sua vita privata. Da quel momento in poi, è iniziato un botta e risposta, carico di veleno, sui social network tra le due wags. 

Tutto è iniziato da questo post su Instagram di Coleen Rooney. Le sue dichiarazioni sono riportate da Sky Sport: “Per molto tempo qualcuno di cui mi fidavo e a cui ho permesso di seguirmi sul mio Instagram personale ha informato il Sun delle mie storie e dei miei post privati. Tante informazioni su di me e sulla mia famiglia uscite senza il permesso. Ma avevo un sospetto e per dimostrarlo ho avuto un’idea. Bloccare tutti quanti dalle mie storie di Instagram, tranne un account. E poi postare storie false, per vedere se finivano sul Sun”.

Pronta la replica di Rebekah Vardy: “Sono in vacanza, sono incinta e non so neanche perché dovrei scrivere queste parole. Ma vorrei che tu mi avessi chiamato se pensavi a una cosa del genere, potevo cambiare la password e vedere se la cosa terminava. Non ho mai dato ai giornalisti nessuna notizia su di te. Non mi servono soldi, perché avrei dovuto farlo? Nel corso degli anni molta gente è entrata nel mio account Instagram senza permesso. Sono disgustata dal dovermi anche discolpare. Dovevi telefonarmi la prima volta che hai avuto questi sospetti” (fonti Sky Sport, Sun e YouTube).