Rugby, giallo dello sciopero Azzurri: meno soldi non giochiamo. Andati via o cacciati?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 Giugno 2015 12:11 | Ultimo aggiornamento: 15 Giugno 2015 14:32
Rugby, giocatori Italia lasciano il ritiro pre Mondiale: no accordi sui premi

Rugby, giocatori Italia lasciano il ritiro pre Mondiale: no accordi sui premi (LaPresse)

ROMA – Hanno fatto i bagagli e se ne sono andati dal ritiro. Prima della Coppa del Mondo. La Nazionale italiana di rugby al Mondiale è pronta a rinunciare per una questione di premi. Non c’è l’accordo con la Federazione che vuole concedere premi a risultati raggiunti mentre invece i giocatori chiedono premi legati alla semplice presenza. E così, dopo trattative infruttuose è arrivato lo strappo clamoroso: l’Italrugby che lascia il ritiro. Così almeno dice la Federazione che di fatto accusa i giocatori di aver abbandonato il ritiro per questione di soldi. I giocatori, però, non ci stanno e puntano a loro volta il dito contro la Federazione dicendo di essere stati fatti allontanare dal ritiro. 

A causare lo strappo, in ogni caso, la decisione della Federazione di rivedere al ribasso tutto il meccanismo dei premi. Niente accordo economico, e gli azzurri del rugby lasciano il ritiro della nazionale in vista della Coppa del mondo. Con un clamoroso gesto di protesta i giocatori si sono rifiutati di scendere in campo e sono tornati a casa, dopo che la federazione ha rivisto al ribasso i premi, legandoli ai risultati e non alla sola presenza in Nazionale.

La nazionale di Rugby era in ritiro a Villabassa in Alto Adige, per la preparazione estiva in vista della Coppa del mondo che si disputerà a settembre in Inghilterra. “Sono deluso dall’atteggiamento assunto dagli atleti – ha dichiarato il Presidente federale Alfredo Gavazzi – non tanto per la situazione contingente ma perché tale decisione denota la non volontà di investire sulle proprie capacità sportive”.

5 x 1000

Gli attriti tra federazione e giocatori erano in corso da qualche settimana, dopo che il presidente federale Alfredo Giavazzi aveva annunciato l’intenzione di rivedere al ribasso i gettoni di presenza in nazionale, riducendoli e integrandoli con un premio partita ulteriore. Decisione dovuta anche ai risultati non troppo soddisfacenti delle ultime partite a livello internazionale, con gli azzurri finiti al 15mo posto del ranking. Ma i giocatori non l’hanno presa bene. I tentativi di comporre la vertenza non sono andati a buon fine, da qui la decisione degli azzurri di non partecipare agli allenamenti, anzi di tornare a casa.

Molto contrariata la Fir che sul sito federale afferma di aver “preso atto della volontà manifestata dai giocatori di non prendere parte agli allenamenti e di non indossare materiale sportivo FIR sino al raggiungimento di un accordo economico”. La Fir aggiunge che ciò “non cambia la volontà del Consiglio Federale – pienamente condivisa dallo staff della Squadra Nazionale – di raggiungere un accordo economico con i giocatori basato non sulla semplice partecipazione alle finestre internazionali ma su concreti principi meritocratici legati alla performance. Principi che, come già ribadito pubblicamente dai vertici federali, saranno alla base di tutti i futuri accordi tra FIR e atleti della Nazionale. Una proposta definitiva è già stata presentata, in questi termini, ai rappresentanti dei giocatori”.

La versione dei giocatori, in ogni caso, è decisamente diversa da quella della Federazione. Sarebbe stata la Fir a dichiarare sciolto il ritiro e non loro ad andarsene. “Non siamo stati noi ad andare via ma i responsabili della Fir hanno dichiarato lo scioglimento del raduno invitandoci ad andarcene”: è la dura presa di posizione del sindacato dei giocatori di rugby che via Facebook parla di “dichiarazione inveritiera Fir”, circa il presunto abbandono del ritiro da parte degli azzurri per il mancato accordo sui premi.

“Clamorosa dichiarazione inveritiera della F.I.R. – si legge sul profilo Fb del G.I.R.A, il sindacato “Giocatori d’Italia Rugby Associati” – : i giocatori si sono tutti presentati al raduno e resteranno al raduno. A questo punto chi si è assunto al responsabilità di fare un comunicato lesivo dell’onore e del decoro sportivo di ben 40 atleti nazionali di rugby, si assumerà le proprie responsabilità di fronte agli organi di giustizia sportivi e ordinari”, si legge nel piccato comunicato dei rugbisti. “La verità è tutta un’altra: stamattina i giocatori hanno chiesto un incontro al Presidente Gavazzi, il quale l’ha negato per impegni personali. Vista la situazione generale, i responsabili della Fir hanno dichiarato lo scioglimento del raduno invitando i giocatori ad andarsene. Tuttavia, per rigirare la situazione a proprio favore, contestualmente all’ordine di allontanarsi dato ai giocatori è stato divulgato un comunicato che, come detto, ha rappresentato i fatti in maniera difforme dal vero. Ciò fatto, è arrivato un invito a Calvisano all’indirizzo di una delegazione di rugbisti: in parole povere, prima si è sparato contro gli azzurri e poi si è tesa loro la mano”.

“Vero è, piuttosto – si legge ancora nel comunicato – che nessun accordo è stato raggiunto tra i Nazionali di Rugby e la Fir. E non ci si riferisce solo alla questione dei compensi, ma anche a tutte le altre tematiche già messe sul tavolo della trattativa. I presupposti per la riuscita della spedizione azzurra ai Mondiali di Londra, dunque, sono pessimi, e non si vedono margini per ricucire lo strappo. Tutto ciò che Parisse & co. chiedono è solo una riapertura del dialogo ed un incontro di persona con il presidente, che sembra avere, tuttavia, impegni più pregnanti. Mandare tutti a casa, dunque, è il bel modo di affrontare i problemi, e ancora “migliore” è il tenore dell’odierno comunicato stampa federale. Che almeno si usi l’onestà intellettuale di presentare la realtà dei fatti in modo chiaro. Non ci sono parole”, conclude il sindacato che in un altro post fa sapere che “la FIR ha comunicato ai club di provenienza che i giocatori da domani sono a loro disposizione (così se non si presentano agli allenamenti rischiano sanzioni) e ha comunicato all’albergo di Villabassa che le camere andranno liberate. L’hotel ha dunque invitato i giocatori ad abbandonare la struttura entro e non oltre mezzogiorno. Alla faccia dell’abbandono del raduno da parte degli azzurri!”.