Sampdoria, Gattuso ha detto no. Ranieri, Iachini e De Biasi restano in corsa

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 9 Ottobre 2019 19:10 | Ultimo aggiornamento: 9 Ottobre 2019 19:10
Sampdoria Iachini De Biasi Ranieri allenatori alternativi a Gattuso che ha detto no

Iachini potrebbe essere il prossimo allenatore della Sampdoria (foto Ansa)

GENOVA – La Sampdoria non ha ancora trovato un allenatore. L’unica certezza, è la rescissione consensuale con Eusebio Di Francesco dopo che l’ex allenatore della Roma aveva raccolto la miseria di 3 punti sui 21 a disposizione. La Sampdoria deve trovare presto un nuovo allenatore perché alla ripresa del campionato dovrà vedersela con una squadra forte come la Roma quinta in classifica. Pioli e Gattuso hanno detto di no, restano in corsa Ranieri, Iachini e De Biasi. Al momento non c’e’ un favorito. 

La Sampdoria non riesce a sciogliere il nodo allenatore. La società blucerchiata è rimasta spiazzata dal “no” di Stefano Pioli visto che la trattativa tra le parti era in stato avanzato. L’inserimento dell’ultimo istante del Milan ha rovinato le cose per i blucerchiati. Pioli aveva detto di sì alla Sampdoria perché non era al corrente dell’interessamento del Milan. 

In effetti, in un primo momento, Pioli non era un obiettivo del Milan ma i rossoneri si sono dovuti buttare su di lui dopo che è sfumata la trattativa per il passaggio di Luciano Spalletti dall’Inter al Milan. Il tecnico di Certaldo ha discusso telefonicamente con Marotta e via messaggio con Steven Zhang ma non è riuscito a trovare un accordo con l’Inter per la sua ricca buona uscita. 

Sfumato Spalletti, il Milan si è gettato subito su Pioli che a quel punto ha detto “no grazie” alla Sampdoria firmando con i rossoneri. A quel punto, la Samp si è mossa subito con Gattuso ma anche in questo caso ha incassato un “no”. Nella trattativa per Gattuso c’erano problemi sia di natura tecnica che di natura economica. 

Gattuso al Milan guadagnava due milioni di euro a stagione ed aveva uno staff piuttosto ampio che percepiva un lauto compenso. In secondo luogo, Gattuso riteneva rischioso ributtarsi nella mischia in una squadra che è ultima in classifica in Serie A. Dopo il no di Gattuso, rimangono tre allenatori nel mirino dei blucerchiati. Si tratta di Ranieri, De Biasi e Iachini

Tra i tre, Iachini e Ranieri sono quelli più abituati ad entrare in corsa per compire un miracolo sportivo. Ranieri lo ha già fatto, con successo, due volte con la Roma, mentre Iachini è già riuscito in questo ai tempi del Sassuolo.

De Biasi è reduce da una buona esperienza sulla panchina della Nazionale Albanese ma la sua ultima parentesi con un club, l’Alaves, è terminata in maniera fallimentare dopo un esonero dopo cinque sconfitte in otto partite disputate.