Sampdoria, via Di Francesco: Pioli sarà il suo successore

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 6 Ottobre 2019 16:32 | Ultimo aggiornamento: 6 Ottobre 2019 16:32
Sampdoria Pioli Di Francesco via dopo sconfitta di Verona

Sampdoria, Pioli è stato scelto come nuovo allenatore (foto Ansa)

GENOVA – La Sampdoria ha deciso di mandare via Eusebio Di Francesco. Stando a quanto riportato da Sky Sport, i blucerchiati avrebbero deciso di mandare via l’ex allenatore della Roma per sostituirlo con Stefano Pioli. La decisione sarebbe stata presa da Massimo Ferrero dopo la pesante sconfitta nella sfida scudetto contro il Verona. Per questo motivo, ieri Di Francesco non ha parlato con la stampa ed  è stato sostituito dal presidente Massimo Ferrero. 

Stefano Pioli riparte da Genova dopo una esperienza fatta di alti e bassi a Firenze. Stefano Pioli è un allenatore molto duttile. Generalmente utilizza il 4-2-3-1oppure il 3-5-2, coi terzini che partecipano attivamente all’azione d’attacco.

Sampdoria, Di Francesco via: ecco cosa aveva detto Ferrero dopo la sconfitta di Verona.

 Alla Lazio ha spesso utilizzato il 4-3-3.  Appassionato di pallacanestro, ha provato nei limiti del possibile (data la differenza dei 2 sport) a importare nel calcio qualche accorgimento tipico dello sport sul parquet. 

“Siamo molto dispiaciuti per quello che sta accadendo. Avremo una riunione, esamineremo tutti insieme la situazione e poi prenderò una decisione per il bene della Sampdoria, di Di Francesco e nostro”.

Lo ha detto il presidente blucerchiato, Massimo Ferrero, dopo la sconfitta a Verona, sesta su sette partite in serie A. Le sue dichiarazioni sono riportate dall’Ansa. “E’ appena finita la partita, abbiamo visto un certo spettacolo, siamo tutti intontiti e non vogliamo prendere decisioni affrettate”, ha proseguito ai microfoni di Sky Sport.
   

“La trattativa in corso per la cessione non deve essere un alibi per nessuno – ha aggiunto Ferrero -. Il campo è una cosa, la trattativa è un altra. E’ lunga, estenuante ma non diamo alibi a nessuno perchè non c’entra assolutamente niente con quello che succede in campo. La Samp è quella dello scorso anno, si è solo rafforzata. Mi sembra che ci sia ancora un po’ di Giampaolo e un po’ di Di Francesco” (fonte Ansa).