Sandro Mazzola: “Nell’Inter ci davano le amfetamine”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Novembre 2015 10:25 | Ultimo aggiornamento: 8 Novembre 2015 10:25
Sandro Mazzola (foto Ansa)

Sandro Mazzola (foto Ansa)

MILANO – Sandro Mazzola ammette: “Mio fratello Ferruccio aveva ragione: nell’Inter ci davano le amfetamine”. Dopo Beppe Bergomi, anche Sandro Mazzola rivela particolari inquietanti sui tempi in cui vestiva la maglia dell’Inter. Intervistato da Walter Veltroni per Il Corriere dello Sport, l’ex calciatore neroazzuro a due anni dalla morte del fratello Ferruccio ammette strani giri di sostanze negli spogliatoi.

Il fratello di Sandro Mazzola, Ferruccio, aveva denunciato attraverso il suo libro “Il terzo incomodo” quello che succedeva all’Inter scrivendo: “Ho visto Herrera dare pasticche da mettere sotto la lingua”. Racconta Sandro: “Prima della partita, ci davano sempre un caffè. Non so cosa ci fosse dentro. Ricordo che un mio compagno, Szymaniak, mi chiese se prendevo la simpamina. Io non sapevo cosa fosse ma qualcosa che non andava, qualcosa di strano, c’era. Andai dal medico che mi fece fare tutte le analisi e mi disse che dovevo fermarmi, che avevo problemi grossi. Mi disse che dovevo stare fuori almeno sei mesi. Ma questo Herrera non lo voleva”.