Il Santos vince la Coppa Libertadores e in campo scoppia la rissa

Pubblicato il 23 Giugno 2011 13:39 | Ultimo aggiornamento: 23 Giugno 2011 13:41

San Paolo (Brasile) – Era dai tempi di Pelè che non succedeva: il Santos ha vinto la Coppa Libertadores grazie al successo in casa per 2-1 contro il Penarol nella finale di ritorno, dopo che il match d’andata si era concluso 0-0. Le reti al 47′ di Neymar, raddoppio di Danilo e poi un autogol che ha fissato il risultato sul 2-1. E’ la terza vittoria per il Santos dopo quelle del 1962 e del 1963 quando tra le sue file giocava ‘O Rey’.

La partita ha avuto un epilogo amaro con una rissa scoppiata in campo tra i giocatori delle due squadre. E’ stato necessario l’intervento della polizia per fermare la zuffa, con i giocatori che si scambiavano calci e pugni a tutta forza. “Un tifoso del Santos è entrato in campo e ci ha provocato – ha detto l’attaccante del Penarol Alejandro Marinuccio – devono saper festeggiare, noi abbiamo accettato la sconfitta”. “Sono stati un degno avversario, ma non sanno perdere”, ha replicato il difensore brasiliano Leo.

Con questa vittoria il Santos diventa la squadra carioca con il maggior numero di successi in Coppa Libertadores, tre come il San Paolo. Una curiosità: la prima vittoria nel ’62 fu ottenuta proprio in finale contro il Penarol. Gara risolta con due gol di Pelè. E proprio O’Rey ha assistito alla partita dalla tribuna e poi è sceso in campo per festeggiare con i suoi eredi. “Dobbiamo ringraziare questi ragazzi giovani per averci dato questo titolo”, ha detto Pelè durante la festa.

Le immagini (foto AP/LaPresse)

Il video della risa: