Sarri-Juventus, allenatore è arrivato a Torino. Domani la presentazione

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Giugno 2019 21:34 | Ultimo aggiornamento: 19 Giugno 2019 21:35
Sarri-Juventus, allenatore è arrivato a Torino. Domani la presentazione

Sarri-Juventus, allenatore è arrivato a Torino. Domani la presentazione. Foto EPA/ARMANDO BABANI

TORINO – Alla Juventus è iniziata ufficialmente l’era di Maurizio Sarri. Poco dopo le 19, il tecnico ex Napoli e Chelsea è atterrato con un volo privato all’aeroporto di Caselle, da dove si sta dirigendo in auto al centro sportivo della Continassa. Nessun tifoso ad attendere il tecnico, che incontrerà domani mattina la stampa. La presentazione ufficiale è in programma alle ore 11 all’Allianz Stadium.

Maurizio Sarri è stato accolto con un certo scetticismo a Torino per il suo passato sulla panchina del Napoli. Durante l’esperienza sulla panchina campana, Sarri è stato protagonista di molte uscite anti Juventus che non sono piaciute ai tifosi bianconeri. La più clamorosa è stata il dito medio rivolto ai tifosi della Juventus prima della sfida scudetto tra i bianconeri ed il suo Napoli. 

Sarri come Giuda, a Napoli non hanno accettato il suo approdo alla Juventus. 

Sarri come Higuain che a Napoli significa Sarri come Giuda. Così gli artigiani del presepe di San Gregorio Armeno a Napoli hanno riprodotto l’ex allenatore del Napoli, da ieri ufficialmente allenatore della Juve. Come Giuda il Maurizio Sarri riprodotto da Genny Di Virgilio, oltre a vestire la tuta dei bianconeri, stringe in mano un sacchetto con la scritta ’30 denari’.

Ai commenti delusi dei tifosi napoletani – ultimo dei quali il sindaco de Magistris: “Ancelotti ci faccia sognare, perché battere la Juve dell’ex allenatore del Napoli sarebbe un orgasmo calcistico” – si sono aggiunti gli artigiani del presepe del centro storico, che hanno riprodotto l’ormai ex ‘Comandante’ con la nuova divisa, “quella – scherza Di Virgilio – dell’esercito nemico”.
 

 L’artigiano Marco Ferrigno, che davanti alla propria bottega aveva una statua a dimensioni naturali dell’allenatore che catalizzava i selfie dei visitatori di San Gregorio Armeno, ha riprodotto in terracotta il Sarri juventino con una eloquente scritta sulle spalle: ‘La voce del padrone’ (fonte Ansa).