Sarri-Juventus, Jorginho: “Tradimento per i tifosi del Napoli”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 giugno 2019 17:52 | Ultimo aggiornamento: 3 giugno 2019 17:53
Sarri-Juventus, Jorginho: "Tradimento per i tifosi del Napoli"

Sarri-Juventus, Jorginho: “Tradimento per i tifosi del Napoli”. Foto ANSA/GIORGIO BENVENUTI

TORINO – Sarri si avvicina alla Juventus. Questa notizia di calciomercato è stata commentata da Jorginho, fedelissimo di Sarri che il tecnico toscano si è portato dal Napoli al Chelsea. Secondo Jorginho, l’approdo dell’ex allenatore del Napoli alla Juventus verrebbe visto come un tradimento dai tifosi campani. Come è avvenuto in passato per Higuain.

”Sarri alla Juventus? I tifosi napoletani lo hanno nel cuore, normale che potrebbero arrabbiarsi e viverla come un tradimento”. Così Jorginho commenta a Coverciano le voci che accostano il tecnico toscano al club bianconero. ”Per la stagione fatta tra difficoltà e soddisfazioni, la vittoria in Europa League e i risultati in campionato Sarri dovrebbe restare al Chelsea – ha aggiunto Emerson Palmieri – anche se nel calcio bisogna sempre guardare avanti”. Per entrambi: ”Sarri e Mancini si somigliano perché entrambi amano il gioco offensivo”.

Sarri alla Juventus? Bernardeschi è pronto ad accoglierlo a braccia aperte. 

5 x 1000

”Sarri alla Juve? E’ un allenatore valido, che sta facendo una grande carriera. Ma io non so se sarà lui il successore di Allegri, aspettiamo la decisione della società prima di esprimerci noi giocatori”.
Così Federico Bernardeschi commentando da Coverciano le voci che vorrebbero il tecnico del Chelsea prossimo a sedere sulla panchina bianconera.

“Bisogna rispettare il lavoro della società, abbiamo grandissimi dirigenti e un presidente sempre presente – ha aggiunto l’esterno della Juve e della Nazionale – e dunque chi verrà sarà di sicuro un allenatore da Juve”.

Nell’attesa ha ringraziato Allegri: ”Va celebrato per quanto ha fatto e vinto, un tecnico può piacere o meno ma di sicuro le sue idee e le sue caratteristiche hanno portato in alto la Juve.
Conta vincere e Allegri l’ha fatto e tanto, il che non è mai semplice né scontata. Per questo merita solo applausi, è un allenatore che ha fatto la storia” (fonte Ansa).