Sassuolo-Inter, ecco perché Antonio Conte non è andato in conferenza stampa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Ottobre 2019 18:00 | Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre 2019 18:00
Sassuolo Inter Perché Conte non ha parlato

Lautaro esulta dopo il gol segnato in Sassuolo Inter (foto Ansa)

REGGIO EMILIA – Settanta minuti di dominio per una pratica che sembra bella e chiusa e poi la luce che si spegne all’improvviso per un ‘black-out’ su cui bisognerà riflettere. Con Antonio Conte con la febbre per un problema intestinale, il match è analizzato dal vice Stellini: “C’è stato un blackout che dovremo analizzare nei dettagli. Sono forse venute e mancare le energie – dice – e il Sassuolo che è una squadra organizzata ha aumentato i ritmi. Dobbiamo essere più bravi a mantenere la lucidità nei finali di partita”.

Sulla sponda neroverde, per il tecnico De Zerbi “dovevamo cercare di fare di più di quello che abbiamo messo per arrivare ad un possibile 4 a 4 che avremmo anche meritato”.

Sassuolo-Inter, incredibile durante la partita: un paracadutista atterra in campo. 

Era da poco stato assegnato un calcio di rigore all’Inter nel corso della gara con il Sassuolo, quando è atterrato sul terreno nella zona di metà campo del Mapei Stadium un paracadutista.

Con un tempismo quasi perfetto, a gioco fermo, l’uomo che indossava una maschera nerazzurra è stato immediatamente raggiunto da cinque inservienti che l’hanno accompagnato fuori dal campo. Il paracadutista non ha opposto resistenza.

Increduli i giocatori in campo, mentre quelli del Sassuolo continuavano a protestare con l’arbitro Giacomelli per la concessione del rigore.
    Un siparietto che si è concluso con l’applauso dei divertiti spettatori presenti allo stadio di Reggio Emilia.

Il tabellino.
SASSUOLO
 (4-3-1-2): Consigli; Tripaldelli, Marlon, Peluso, Muldur (31′ st Toljan); Obiang (7′ st Boga), Magnanelli, Duncan; Traorè (21′ st Djuricic):, Berardi, Caputo. A disp.: Turati, Russo, Defrel, Raspadori, Romagna, Piccinini, Ghio, Locatelli, Kyriakopoulos. All.: De Zerbi.

INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Candreva (28′ st Lazaro), Gagliardini, Brozovic, Barella, Biraghi; Lukaku (45′ st Vecino), Martinez (27′ st Politano). A disp.: Padelli, Berni, Godin, Ranocchia, Asamoah, Borja Valero, Dimarco, Esposito. All.: Conte.

ARBITRO: Giacomelli di Trieste

MARCATORI: 2′ pt Martinez (I), 16′ pt Berardi (S), 38′ pt Lukaku (I), 45′ pt Lukaku (I, su rig.), 26′ st Martinez (I, su rig.), 29′ st Djuricic (S), 36′ st Boga (S)

NOTE: Ammoniti: Obiang, Duncan, Magnanelli, Muldur (S); De Vrij, Lazaro, Bastoni (I). Recupero: 1′ pt, 5′ st.