Serie A, Juve torna in vetta con rigore al 95′. Roma quarta, Napoli protesta contro arbitri

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 30 Ottobre 2019 23:10 | Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2019 23:13
Serie A 10 giornata risultati gol Juventus Genoa Napoli Atalanta Roma

Serie A, Carlo Ancelotti nella foto Ansa

ROMA – Inter chiama, Juventus risponde. I bianconeri hanno piegato un grande Genoa al  95′, grazie ad un rigore guadagnato e trasformato da Cristiano Ronaldo, e sono tornati in vetta alla classifica del campionato a più uno sull’Inter. La Juve era passata in vantaggio con una rete di Bonucci ma il Genoa aveva pareggiato l’incontro grazie ad un gol di Kouamé con una deviazione dello stesso Bonucci. Nella ripresa, il Genoa è rimasto in dieci uomini per l’espulsione di Cassata ma nonostante questo ha tenuto benissimo il campo costringendo la Juve agli straordinari fino al 95′. Nei minuti di recupero è successo praticamente di tutto. Prima l’arbitro ha annullato una rete a Cristiano Ronaldo per una posizione di fuorigioco del portoghese, poi ha assegnato un rigore per un fallo piuttosto chiaro ai danni del fuoriclasse portoghese. Dagli undici metri, non ha sbagliato Cr7. Il suo gol al 95′ su rigore è valso il primato alla Juve. 

L’Atalanta si conferma terza forza del campionato ma il pareggio è costato caro al Napoli che è stato superato in classifica dalla Roma, che adesso è quarta ed in piena zona Champions, ed è stato agganciato al quinto posto dalla Lazio e dal Cagliari. Al termine della partita, il presidente De Laurentiis ha sparato a zero contro la classe arbitrale ai microfoni di Sky Sport (qui le sue dichiarazioni). 

Gol e spettacolo tra Napoli e Atalanta nell’anticipo di giornata. Sotto gli occhi del grande ex Marek Hamsik, il Napoli ha disputato una grande prestazione ma non è riuscito a battere l’Atalanta. I campani hanno segnato con Maksimovic,   di testa su cross di Callejon, e con Milik, lanciato a rete da una invenzione di Fabian Ruiz, ma avrebbero potuto segnare molte altre reti visto che Milik ha anche colpito due legni (di testa e su punizione).

L’Atalanta ha giocato un primo tempo sottotono ma è riuscita a chiuderlo sull’uno a uno   grazie ad una papera clamorosa di Meret su un tiro innocuo di Freuler. Nella ripresa, l’Atalanta ha pareggiato il match con un gol di Ilicic che ha scatenato le proteste da parte dei tifosi e dei calciatori del Napoli. Tutto nasce da un rigore non concesso per un intervento dubbio di Kjaer su Llorente, l’azione è proseguita, la sfera è arrivata a Ilicic, partito sul filo del fuorigioco, che ha battuto Meret da due passi.

Dopo la rete dell’Atalanta, il gioco è ripreso in ritardo perché i calciatori del Napoli hanno accerchiato l’arbitro Giacomelli per chiedere l’intervento del var. Anche Ancelotti ha protestato con veemenza ed è stato espulso dal direttore di gara. Il match è terminato sul due a due dopo ben otto minuti di recupero. 

Show della Roma sul campo dell’Udinese. Nonostante i giallorossi abbiano giocato in inferiorità numerica per gran parte del match per l’espulsione di Fazio, è arrivato un successo netto, per 4 a 0, che ha proiettato la squadra di Fonseca al quarto posto, in piena zona Champions. Le reti della Roma sono state segnate da Zaniolo, da Smalling, da Kluivert e da Kolarov. 

Lazio e Cagliari agganciano il Napoli con prestazioni straordinarie. I romani hanno vinto 4 a 0 contro il Torino, con una doppietta del capocannoniere Immobile, mentre i sardi si sono imposti di misura sul Bologna con show di Joao Pedro, autore di una doppietta, e di Simeone, tornato al gol per la gioia dei tifosi. 

Sassuolo Fiorentina ha fatto parlare più per la sospensione per i cori razzisti dei tifosi viola contro Duncan che per la bella vittoria esterna della squadra allenata da Vincenzo Montella. Chiude il turno, il pareggio tra Sampdoria e Lecce. La squadra di Claudio Ranieri non riesce a decollare. 

Serie A, risultati e marcatori della decima giornata. 

Serie A, Juventus-Genoa 2-1, gol: Bonucci, Kouamé e Cristiano Ronaldo

Juventus con Buffon; Cuadrado, Bonucci, Rugani, Alex Sandro; Khedira, Bentancur, Matuidi; Bernardeschi; Dybala e Ronaldo. Il Genoa risponde con Radu; Ghiglione, Romero, Zapata, Ankersen; Schone, Cassata; Pandev, Agudelo, Kouamé e Pinamonti.

Serie A, Cagliari-Bologna 3-2, gol: Santander, Joao Pedro (doppietta), Simeone e autogol Farago

Cagliari in campo con Olsen; Faragò, Pisacane, Klavan, Pellegrini; Nandez, Cigarini, Rog; Nainggolan; Joao Pedro e Simeone. Il Bologna risponde con Skorupski; Mbaye, Bani, Denswil, Krejci; Dzemaili, Schouten; Orsolini, Soriano, Sansone e Santander.

Serie A, Lazio-Torino 4-0, gol: Acerbi, Immobile (doppietta) e autogol Belotti. 

Lazio con Strakosha; Patric, Acerbi, Radu; Marusic, Milinkovic, Cataldi, Luis Alberto, Lulic; Caicedo e Immobile. Il Torino risponde con Sirigu; Izzo, Nkoulou, Lyanco; De Silvestri, Baselli, Lukic, Meité, Laxalt; Zaza e Belotti.

Sampdoria-Lecce 1-1, gol: Lapadula e Depaoli

La Sampdoria se la gioca con Audero; De Paoli, Ferrari, Colley, Murru; Vieira, Barreto, Ekdal; Bertolacci; Bonazzoli e Quagliarella. Il Lecce risponde con Gabriel; Meccariello, Rossettini, Lucioni, Dell’Orco; Petriccione, Tachtsidis, Tabanelli; Shakhov; Falco e Lapadula.

Sassuolo-Fiorentina 1-2, gol: Boga, Castrovilli, Milenkovic

Il Sassuolo sfida la Fiorentina con Consigli; Toljan, Marlon, Romagna, Peluso; Duncan, Magnanelli; Boga, Berardi, Caputo e Djuricic. I viola rispondono con Dragowski; Venuti, Milenkovic, Pezzella, Dalbert; Benassi, Pulgar, Castrovilli, Sottil, Boateng e Chiesa.

Udinese-Roma 0-4, gol: Zaniolo, Smalling, Kluivert, Kolarov

I padroni di casa sfidano la Roma con Musso; Becao, Troost-Ekong, Samir; Ter Avest, Mandragora, Jajalo, De Paul, Sema; Okaka e Lasagna. I giallorossi rispondono con Pau Lopez; Santon, Smalling, Fazio, Kolarov; Mancini, Veretout; Zaniolo, Pastore, Kluivert e  Dzeko.

Serie A, Napoli-Atalanta 2-2, gol: Maksimovic,   Freuler, Milik e Ilicic.

Il Napoli sfida l’Atalanta con Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Luperto; Callejon, Allan, Fabian Ruiz, Insigne; Milik e Lozano. Carlo Ancelotti ha deciso di fare turnover e ha spedito Dries Mertens in panchina. 

L’Atalanta risponde al Napoli con Gollini; Toloi, Djimsiti, Palomino; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens; Pasalic; Gomez e Ilicic. Anche qui una grande sorpresa visto che Gasperini ha sbattuto in panchina Muriel, vice capocannoniere del campionato di Serie A. 

Napoli subito vicino al vantaggio con Milik. Al primo minuto, il centravanti polacco ha calciato a rete dall’altezza del dischetto ma la sua conclusione centrale è stata respinta con i piedi da Gollini. Poco dopo, al secondo minuto, Lozano si  è involato verso la porta avversaria ma ha sbagliato davanti a Gollini calciando sul corpo del portiere dell’Atalanta. 

Al 6′, Ilicic ha calciato a rete direttamente da punizione ma Meret è stato bravo a respingere la sua conclusione. Al 10′, Allan è stato costretto al cambio per infortunio. Al suo posto, è entrato in campo Zielinski. 

All’11’, Lorenzo Insigne ha messo in porta José Maria Callejon con un lancio stupendo ma l’attaccante spagnolo si è mangiato un gol piuttosto semplice davanti a Gollini. Il portiere della “Dea” ha respinto la sua conclusione a rete piuttosto centrale. 

Al 15′, il Napoli è passato in vantaggio con Maksimovic. L’azione è stata avviata da un bel lancio di Lorenzo Insigne per José Maria Callejon. L’esterno spagnolo ha crossato dalla destra con Maksimovic che ha segnato di testa da due passi. 

Al 21′, Gollini ha compiuto una parata prodigiosa su un destro ravvicinato di Lozano, sulla ribattuta, Milik ha colpito il palo con un colpo di testa da due passi. Pareggio dell’Atalanta al 41′, Freuler, servito da Toloi, ha calciato centralmente ma Meret si è fatto passare il pallone sotto le gambe. Papera clamorosa per il giovane portiere del Napoli. Il primo tempo è terminato sul risultato di uno a uno, Freuler ha risposto a Maksimovic. 

Al 61′, Insigne ha fatto partire un destro a giro che è uscito di un soffio. Al 67′, Milik ha colpito la traversa direttamente su calcio di punizione. Napoli in vantaggio al 71′, Milik, dopo aver colpito due pali, ha portato in vantaggio la sua squadra grazie al suo quarto gol nelle ultime tre partite. 

Su lancio di Fabian Ruiz, non è scattata la trappola del fuorigioco dell’Atalanta, Milik si è presentato davanti a Gollini, lo ha dribblato, e ha insaccato in rete a porta vuota. Pareggio dell’Atalanta all’85’, Ilicic è scattato sul filo del fuorigioco e ha battuto Meret con un sinistro sul secondo palo. Napoli e Atalanta hanno pareggiato per due a due al San Paolo. 

Milan-Spal giovedì alle 21.00.