Serie A, Catania-Inter 3-1: le pagelle di Eurosport

Pubblicato il 13 Marzo 2010 8:37 | Ultimo aggiornamento: 13 Marzo 2010 8:37

Maxi Lopez

Le pagelle di CataniaInter, chiusa sul punteggio di 3-1.

CATANIA

Andujar 6.5 Neutralizza tutti i tiri nello specchio, incolpevole sul gol.

Silvestre 6.5 Si appiccica a Milito e non lo fa respirare anche se nell’unica occasione in cui si smarca l’argentino fa centro.

Terlizzi 6.5 A volte ruvido, ma efficace. Per non sbagliare spazza via quasi sempre.

Capuano 6 Un po’ bloccato nelle discese, nella ripresa prende in cura Quaresma.

Potenza s.v. Entra a due minuti dal 90′.

Biagianti 6.5 Fa il perno davanti alla difesa, accorcia su Sneijder e non lo fa giocare.

Delvecchio 6 Dentro nel quarto d’ora finale, fa legna in mezzo al campo.

Ricchiuti 7 Gioca a centrocampo con grande generosità. E’ un’invenzione di Mihajlovic che ha trasformato un trequartista in un interno completo che fa bene entrambe le fasi.

Carboni s.v. In campo all’84’.

Izco 5 Troppo sotto tono, nella partita straordinaria del Catania è l’unica eccezione negativa. Si nasconde, sbaglia diversi palloni.

Mascara 7.5 Nel primo tempo fa, efficacemente, il difensore su Maicon. Nella ripresa è lui che costringe dietro il brasiliano. Geniale nella trasformazione del rigore con il cucchiaio.

Martinez 8 Il gol al 90′ è il simbolo di una partita straordinaria giocata con grandissimo ritmo e impreziosita da tante invenzioni di qualiltà.

Maxi Lopez 6.5 Segna un gol strepitoso. Per il resto della gara soffre un po’ la morsa di Lucio e Materazzi.

INTER

Julio Cesar 5.5 Nel primo tempo compie un miracolo su Ricchiuti, sul rigore è distratto e si fa uccellare da Mascara, esce con poca convinzione sul gol di Martinez.

Materazzi 6.5 E’ attento dietro e disimpegna con sicurezza.

Zanetti 5.5 Un po’ in apnea fisicamente, soffre le incursioni di Mascara.

Lucio 6 Gioca bene chiudendo egregiamente gli spazi anche se al 90′ si fa sorprendere da Martinez.

Maicon 5 E’ la copia sbiadita del fuoriclasse delle scorse stagioni. Sta troppo sulle sue dietro e, quando avanza, non ha più esplosività.

Muntari s.v. Per pietà non si può dare un voto a un giocatore che, appena entrato, si fa ammonire per un’entrataccia e, sulla successiva punizione, commette un evidente fallo di mano che gli costa il secondo giallo e il rigore per gli avversari.

Stankovic 5.5 E’ poco arrembante negli inserimenti e non fa girare troppo bene il pallone.

Cambiasso 6 Finché è in campo fa il suo, accorcia sui portatori di palla avversari e rilancia l’azione.

Mariga 6 Ci mette qualche minuto a entrare in partita, poi lievita e comincia a trasmettere sicurezza e a macinare gioco. Rimane negli spogliatoi dopo il primo tempo.

Sneijder 5.5 Non trova lo spazio tra le linee, solo un paio di buone conclusioni. Troppo poco per uno come lui.

Milito 6 Il gol a porta vuota se lo costruisce seguendo bene l’azione. Ha pochi spazi, ma ogni volta che il pallone transita dalle sue parti, lui ci prova.

Eto’o 5.5 Bravo ad andar via sul filo del fuorigioco in occasione del gol di Milito, per il resto combina veramente poco.

Quaresma 5 Entra a inizio ripresa e, tatticamente, è una buona mossa perché dà ampiezza al gioco sulle fasce. Però eccede nel cercare troppo il numero e, alla lunga, sparisce dal gioco.

Pandev 5.5 Un quarto d’ora nel finale, spreca una buona occasione.

A cura di Generoso Simeone