Serie A riparte così: clausura per 15 giorni e con un solo positivo in quarantena tutta la squadra

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 12 Maggio 2020 13:36 | Ultimo aggiornamento: 12 Maggio 2020 13:36
Serie A riparte così: clausura per 15 giorni e con un solo positivo in quarantena tutta la squadra

Serie A riparte così: clausura per 15 giorni e con un solo positivo in quarantena tutta la squadra (foto Ansa)

ROMA – Il calcio italiano riparte dopo lo stop forzato per il coronavirus.

I calciatori sono tornati ad allenarsi individualmente nei centri sportivi dei club dal quattro maggio. 

Da lunedì prossimo avranno la possibilità di non allenarsi più individualmente ma con il resto della squadra.

Insomma, almeno dal punto di vista degli allenamenti, dal 18 si tornerà alla normalità.

L’allenatore dirigerà l’allenamento ed i calciatori svolgeranno le esercitazioni collettivamente.

Torneranno le partitelle e quindi anche il contatto fisico.

Tutto questo sarà un antipasto del calcio giocato che dovrebbe tornare tra fine maggio e le prime due settimane di giugno.

Le partite verranno disputate a porte chiuse e negli stadi entreranno il minor numero di persone possibili.

Ovviamente non parliamo dei tifosi, che non potranno assistere alle gare, ma degli staff medici, tecnici e dirigenziali al seguito dei club protagonisti della partita.

L’idea è quella di portare avanti un modello simile a quello suggerito da Capello.

Ai calciatori verrà richiesta la massima attenzione.

Quindici giorni prima dell’inizio del campionato, i calciatori dovranno vivere in clausura negli hotel messi a disposizione dai loro club.

Anche durante il torneo, sarebbe preferibile tenere una condotta del genere.

Insomma, i giocatori dovrebbero restare in un ritiro di poco più di un mese, il tempo di terminare le partite che mancano.

Dovrebbero pensare al resto del campionato come se fosse un Mondiale o un Europeo.

Anche perché al primo positivo, verrà messa in quarantena tutta la squadra.

Quindi in caso di nuove positività, sarebbe praticamente impossibile portare a termine il torneo visto che la tabella di marcia è già piuttosto serrata