Serie A, troppi crociati rotti: ecco di chi è la colpa

Pubblicato il 22 novembre 2017 15:40 | Ultimo aggiornamento: 22 novembre 2017 15:41
karsdorp-crociato

Karsdorp è stato uno degli ultimi calciatori a rompersi il crociato (Ansa)

ROMA – Troppi crociati ko fra gli sportivi italiani. Sono già otto gli infortuni occorsi ai top player della Serie A dall’inizio dell’anno.

La colpa? Una spiegazione possibile arriva da Rocco Papalia, ordinario di Ortopedia e Traumatologia all’Università Campus Bio-Medico di Roma .

Come scrive adnkronos.com, il fenomeno “è legato alla qualità dei campi di allenamento e di gioco e alle preparazioni atletiche personalizzate: nel nostro Paese esistono grandi centri che tentano di uniformare il modo di lavorare agli standard europei, ma molti fanno per conto loro.

E questo può creare dei problemi. Infine, il numero maggiore di infortuni nelle grandi società di calcio è frutto del numero di eventi sportivi (3-4 a settimana) che i calciatori devono sostenere: questo aumenta lo stress muscolare e limita la capacità di recupero”.

  • Per leggere l’articolo intero accedere a adnkronos.com: qui il link.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other