Serie A, importante novità: in isolamento solo chi è positivo

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 12 Giugno 2020 17:29 | Ultimo aggiornamento: 12 Giugno 2020 17:29
Serie A, importante novità: in isolamento solo chi è positivo

Serie A, importante novità: in isolamento solo chi è positivo (Ibrahimovic, calciatore negativo al coronavirus, con guanti e mascherina nella foto Ansa)

ROMA – Il comitato tecnico scientifico è venuto incontro alle richieste della Lega Serie A per far terminare la stagione con meno intoppi possibili.

In caso di positività di un calciatore, solo lui andrà in isolamento. 

Il resto della squadra sarà astenuta dalla quarantena obbligatoria.

In caso contrario, la squadra con uno o più positivi avrebbe dovuto fermarsi due settimane e avrebbe messo a serio repentaglio la conclusione della stagione di Serie A.

Il comitato tecnico scientifico ha detto sì a questa modifica fondamentale rifacendosi al modello tedesco.

Infatti in Bundesliga viene isolato solamente il calciatore positivo al coronavirus e non l’intera rosa della squadra.

Subito dopo la positività di un calciatore o di un membro dello staff tutti i tesserati devono sottoporsi immediatamente ad un tampone.

In questo caso, la rapidità sarà fondamentale per non contagiare altri calciatori e per far disputare le prossime partite regolarmente.

Tutto questo perché non c’è tempo da perdere, il campionato deve terminare categoricamente entro il 2 agosto.

Così come è altrettanto obbligatorio spedire alla Uefa la lista con i nomi delle squadre qualificate a Champions e Europa League entro il 3 agosto.

Ma non è tutto, la tabella di marcia non può subire assolutamente delle battute di arresto perché bisogna terminare anche le coppe europee in corso.

Subito dopo i campionati Nazionali, quasi certamente nella stessa settimana, si giocheranno le restanti partite delle coppe europee per selezionare le migliori otto di Champions e Europa League.

Poi si dovrebbe passare alle Final Eight.

Quella di Champions League dovrebbe essere disputata a Lisbona, a “casa” di Cristiano Ronaldo.

Quella di Europa League dovrebbe essere localizzata invece in Germania dove hanno dimostrato di saper far ripartire il calcio in sicurezza.

L’Atalanta è già tra le migliori otto di Champions mentre Juventus e Napoli devono ancora qualificarsi.

In Europa League, sia Roma che Inter devono ancora staccare il biglietto per entrare tra le migliori otto di Europa League.