Sport

Serie A, la Lazio potrebbe ritirarsi dal campionato in segno di protesta

LAZIO-RITIRA-SQUADRA

Serie A, la Lazio potrebbe ritirarsi dal campionato in segno di protesta ANSA

ROMA –  Ancora il Var contro la Lazio. Dopo i rigori subiti nel derby e contro la Fiorentina, ieri l’ennesimo episodio contro la squadra di Inzaghi. In un clima a tratti surreale dopo il rosso di Giacomelli a Immobile per la testata rifilata a Burdisso e la protesta dei tifosi, prima lasciando parte della Curva Nord e poi protestando fuori dall’impianto. Il Club si dice “indignato per dei comportamenti ripetuti in più occasioni che hanno danneggiato la Lazio: questi lasciano alimentare il sospetto che ci sia un disegno per azzoppare il campionato dei biancocelesti”, fa sapere il portavoce Arturo Diaconale, che parla di malafede dopo tanti episodi contro, che “fanno una prova”.

Mastica amaro anche il ds Igli Tare, che aveva per un momento assaporato l’idea che il Var potesse invece dargli un rigore a favore, quello del fallo di mano di Falque su tiro di Immobile poco prima dell’episodio da espulsione: “Noi vogliamo rispetto e chiarezza nell’interpretazione di questi episodi – tuona il ds biancoceleste – La Lazio è stata chiaramente danneggiata. Siamo arrivati fino a questo punto del campionato senza rubare niente a nessuno e vogliamo essere padroni del nostro destino. Stasera, lo dico con la rabbia addosso, è stato un grosso scandalo”.

A maggior ragione, perché Tare rivela: “Giacomelli ha visto al replay solo l’episodio di Immobile e non il rigore, non voglio fare cattivi pensieri ma tutto questo mi lascia pensare?”, sibila Tare, ancor più perplesso “dopo che veniamo a sapere – aggiunge – che Burdisso ha detto di non essere stato toccato. Dobbiamo stare calmi in un momento difficile”. A maggior ragione, lo stesso tecnico del Torino ammette senza troppi problemi a fine gara: “Potrebbe anche essere rigore – le parole di Mihajlovic – l’episodio Immobile-Burdisso? Sembrava un bacio un po’ troppo violento?”.

Un assist anche all’amico Simone Inzaghi, che cerca di leggere gli episodi con più pacatezza ma poi sbotta: “E’ difficile restare calmi – tuona il tecnico biancoceleste – la mia bravura sarà quella di lasciarmele alle spalle tutte. Ma stasera a fine primo tempo non che l’ho fatta, è la quarta domenica di fila che ci succede qualcosa contro. E io stesso non sono stato capace di fare rimanere lucidi i ragazzi. Nel secondo tempo ho provato qualche cambio, molti giocatori erano scossi, ci siamo sentiti derubati. Stasera ce l’hanno fatta perdere”.

“Ora dobbiamo essere più bravi di prima – conclude Inzaghi – stiamo lavorando benissimo e dobbiamo continuare. Sennò dovrei stare qui a fare una lista di cose successe con Giacomelli, Massa, Fabbri, ma non mi va. Ora dobbiamo ripartire. Adesso si stanno dando un po’ tutti il giro gli arbitri, ma il Var non deve essere un alibi”.

Dopo quattro pareggi consecutivi, torna alla vittoria il Torino. Al di la degli episodi arbitrali, un successo che i granata hanno meritato, tre punti che scacciano anche le ombre sul futuro di Sinisa Mihajlovic sulla panchina del Toro: “Serviva una vittoria di gruppo e l’abbiamo trovata stasera – si dice soddisfatto il tecnico serbo – abbiamo fatto una grande partita e abbiamo meritato.

Ljajic? È andato in tribuna per motivi comportamentali, il gruppo conta più del singolo. In settimana ha fatto più volte qualcosa di sbagliato e ho deciso di mandarlo in tribuna. Spero che ha capito, dipende da lui”.

La Lazio potrebbe ritirarsi dal campionato in segno di protesta

“C’è una richiesta della tifoseria di compiere degli atti per protestare, in ipotesi estrema ritirare la Lazio dal campionato”.“A nome di tutti i tifosi della Lazio – dice Diaconale, portavoce della Lazio  – chiedo che non ci siano più questi errori, vogliamo un campionato corretto.

Confermo l’amarezza per una vicenda che ha dello scandaloso, il rigore era solare e se dato non avrebbe procurato l’espulsione di Immonbile. L’episodio di ieri è ultimo anello di una catena di errori che sembrano diretti a penalizzare la Lazio”.

To Top