Serie B, classifica e risultati: Empoli, Frosinone, Palermo e Parma vincono

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 marzo 2018 23:44 | Ultimo aggiornamento: 29 marzo 2018 23:44
Serie B, classifica e risultati: Empoli, Frosinone, Palermo e Parma vincono

Serie B, Empoli al comando della classifica
ANSA/CLAUDIO GIOVANNINI

ROMA – Nel turno infrasettimanale di Serie B, vincono le prime quattro della classifica (Empoli, Frosinone, Palermo e Parma) mentre vanno ko quinta, sesta e settima (Cittadella, Bari e Venezia).

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela gratis da Google Play.

Ancora una sconfitta per la Ternana che è il fanalino di coda della Serie B.

Risultati del campionato di Serie B dopo gli incontri della 33/a giornata.

  • Ascoli-Bari 1-0 (ieri)
    Avellino-Parma 1-2
    Brescia-Pescara 2-1
    Carpi-Ternana 2-1
    Cittadella-Spezia 1-2
    Empoli-Salernitana 2-0
    Entella-Palermo 1-2
    Foggia-Pro Vercelli 2-1
    Frosinone-Venezia 2-1
    Novara-Cesena (domani ore 19.00)
    Perugia-Cremonese (domani ore 21.00).

Classifica del campionato di calcio di Serie B dopo gli incontri della 33/a giornata (domani Novara-Cesena e Perugia-Cremonese):

  • P G V N P GF GS
    Empoli* 63 32 18 9 5 68 39
    Frosinone 58 33 15 13 5 54 36
    Palermo* 57 32 15 12 5 46 28
    Parma* 50 32 14 8 10 43 31
    Cittadella 50 33 14 8 11 47 38
    Bari* 50 32 14 8 10 45 39
    Venezia* 49 32 12 13 7 41 32
    Perugia** 47 31 13 8 10 53 42
    Carpi* 47 32 12 11 9 28 35
    Spezia 45 33 11 12 10 35 33
    Foggia* 43 32 12 7 13 49 54
    Cremonese* 41 32 8 17 7 38 33
    Salernitana 41 33 9 14 10 41 46
    Brescia* 37 32 9 10 13 32 40
    Pescara 37 33 9 10 14 39 54
    Avellino* 36 32 8 12 12 41 48
    Novara* 35 32 9 8 15 35 40
    Entella* 35 32 8 11 13 35 42
    Cesena* 34 32 7 13 12 45 55
    Ascoli 33 33 8 9 16 31 51
    Pro Vercelli* 30 32 6 12 14 36 51
    Ternana 27 33 4 15 14 45 60** Due partite in meno, una partita in meno.

Il commento della giornata

Contro la Salernitana al ‘Castellani’ arriva la 18/a vittoria stagionale dell’Empoli. Successo per 2-0 firmato dalla doppietta di Alejandro Rodriguez. L’attaccante spagnolo ha giocato dal 20′ st, entrato al posto dell’infortunato Donnarumma, proprio contro la sua ex squadra. È lui a risolvere la partita: gol al 33′ e al 6′ di recupero della ripresa. Due reti che permettono alla squadra di Andreazzoli di mantenere invariato il vantaggio su Palermo e Frosinone. Empoli non bello, quasi irriconoscibile rispetto alle ultime uscite. Caputo e Donnarumma non brillano, anzi. Comunque da loro arriva l’azione più pericolosa del primo tempo, al 46′ quando Donnarumma spara verso Radunovic, la respinta arriva a Caputo che mira all’angolino lontano ma coglie il palo. Nella ripresa la gara viaggia sullo stesso binario: Empoli in possesso, ma poco pericolosa. Salernitana praticamente nulla. Al 33′ ennesimo cross perfetto dalla sinistra di Pasqual, la punta catalana salta e infila la porta. Sembra il gol del successo e infatti i campani non reagiscono. Nel finale Caputo si trasforma in uomo assist e serve, dopo un contropiede, Rodriguez per la sua doppietta personale, la prima a Empoli.

Il Frosinone torna ai gol ma soprattutto ritrova i tre punti, rimontando il Venezia che, nel primo tempo si era portato in vantaggio, complice un’autorete di Ariaudo al 25′ che di testa infilava la porta sbagliata. La squadra di Longo perdeva anche il suo giocatore simbolo, Daniel Ciofani, per un problema muscolare. Nel secondo tempo la reazione dei laziali che all’8′ pareggiavano con il numero 8 Maiello bravo a sorprendere portiere Vicario con un tiro a giro che baciava il palo e finiva in fondo al sacco. Al 16′ la rete del sorpasso con Citro il giocatore che aveva sostituito Ciofani che di tacco sorprendeva il portiere lagunare su traversone di Maiello. Con questo successo il Frosinone ha risposto alle contemporanee vittorie di Empoli e Palermo.

Tre punti pesanti per il Palermo che batte a Chiavari l’Entella 2-1 e continua la corsa verso la serie A. I siciliani in vantaggio dopo 18′ minuti: Coronado riesce a servire La Gumina che si inserisce tra Cremonesi e Gatto e batte Iacobucci con un potente destro. I liguri reagiscono con un tentativo di Ardizzone e soprattutto nel finale di tempo con De Luca che manda a lato da buona posizione. Nella ripresa l’Entella ci prova dopo 5 minuti con De Luca che non inquadra lo specchio della porta e poi al 17′ La Mantia mette sul fondo con un colpo di testa. Gli ospiti ribattono colpo su colpo e al 30′ trovano il raddoppio quando De Santis nel tentativo di anticipare Gnahoré beffa il proprio portiere Iacobucci con un pallonetto: autorete e 2-0 per il Palermo. Ma l’Entella ci crede e accorcia con il tiro di Gatto al 35′, devia un giocatore del Palermo e finisce in fondo al sacco. Nel finale Pomini neutralizza su Aramu.

Non riesce la rimonta all’Avellino che deve cedere le armi per 2-1 ad un Parma che ad inizio partita, complice la retroguardia irpina, infila il doppio vantaggio con Gagliolo (4′) e Barillà (8′), e potrebbe passare ancora con Dezi (17′) che direttamente da calcio d’angolo disegna una parabola sulla quale si salva in affanno Lezzerini. Ospiti largamente padroni del gioco, padroni di casa in confusione eppure su un’azione apparentemente inoffensiva, conclusione di D’Angelo respinta goffamente dall’ex Frattali, Asencio (33′) da due passi accorcia. Nel secondo tempo, con i due allenatori, Novellino e D’Aversa espulsi per proteste al rientro negli spogliatoi, Parma ancora pericoloso con un tiro deviato di Insigne (53′) che finisce sul palo a portiere battuto. L’Avellino non punge e si fa notare solo per una conclusione di testa di Krasic (33 st’) che Frattali blocca con difficoltà. L’ Avellino, che non perdeva in casa da cinque mesi, spreca così punti importanti per la salvezza e adesso spera nelle due consecutive gare casalinghe (recupero lunedì prossimo col Bari e il sabato successivo con il Perugia) per tirarsi fuori dalla zona play out sempre più vicina.

Colpo grosso dello Spezia, che espugna il Tombolato di Cittadella per 2-1 e sale al decimo posto con 45 punti. Dopo aver sfiorato il gol in un paio di occasioni, gli ospiti passano in vantaggio al 40′ con Gilardino, che trova la deviazione vincente da due passi su corner di Lopez. La reazione del Cittadella è immediata e al 44′ è già 1-1: cross di Settembrini, gran girata al volo di Arrighini e palla in rete. Nella ripresa il Cittadella sfiora il gol con Iori, Schenetti, Strizzolo e Adorni, ma al 16′ lo Spezia torna di nuovo in vantaggio: Gilardino riceve palla da Marilungo al limite dell’area e trova l’angolo più lontano con un tiro millimetrico. Nel finale il Cittadella attacca a testa bassa, ma Manfredini e la traversa negano il pareggio a Settembrini e Schenetti.

Il Brescia trova una pesantissima vittoria, in chiave salvezza e in rimonta, ai danni del Pescara, sconfitto 2-1. Il vantaggio degli abruzzesi matura al 24′ con una dinamica fortunosa: Somma scivola incredibilmente sulla linea di fondo, ne approfitta Bunino che mette palla in mezzo dove arriva Coulibaly. Il Brescia pareggia al 31′ con una gran girata di Torregrossa che conclude di potenza. La squadra di casa ribalta il match al 22′ della ripresa con Caracciolo: colpo di testa sugli sviluppi di un corner.

Il Carpi si rilancia verso la zona playoff dopo aver battuto stasera la Ternana per 2-1. La squadra di casa, reduce dal pesante ko di Palermo, ha colto la sua terza vittoria nelle ultime quattro partite, restando così aggrappata al treno delle migliori. Sempre più difficile la strada per Di Canio e la sua Ternana, ultima in classifica. Carpi in vantaggio con Melchiorri al 12′ del prima tempo dopo aver raccolto un preciso assist di Garritano. La Ternana reagisce e al 38′ trova il pari con Montalto su calcio di punizione, grazie anche ad una deviazione della barriera. Nelle ripresa umbri vicini al vantaggio con Ferretti che, con la stessa conclusione, colpisce due volte il palo. Risponde il Carpi, questa volta il palo nega la doppietta a Melchiorri. Al 23′ la rete decisiva di Concas, appena entrato al posto di Malcore.