Silvia Grecco è la tifosa dell’anno Fifa, racconta le partite al figlio cieco

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Settembre 2019 18:08 | Ultimo aggiornamento: 25 Settembre 2019 18:08
Silvia Grecco tifosa figlio cieco Fifa The Best 2019 premio

Silvia Grecco ed il figlio sono stati premiati dalla Fifa (foto dai social)

MILANO – Nel corso del Fifa The Best 2019″, cerimonia che si è tenuta presso La Scala di Milano sono stati assegnati diversi premi. Tra loro spicca il premio per il tifoso dell’anno. Questo riconoscimento è andato ad una tifosa, la brasiliana Silvia Grecco, 56 anni, che porta il piccolo Nickollas, non vedente dalla nascita, a vedere il Palmeiras: “La mia narrazione delle partite si basa sulle emozioni. Non gli nascondo nulla, nemmeno quando c’è da maledire l’arbitro per delle sviste clamorose”.

Silvia Grecco è una tifosa sfegatata del Palmeiras ma non è stato facile convincere suo figlio a tifare per questo club. Per farlo, la Grecco gli ha fatto incontrare il suo idolo Neymar, calciatore che tifa proprio per il Palmeiras. Mamma e figlio vanno a vedere tutte le partite del Palmeiras allo stadio e per premiarli il club brasiliano ha deciso di invitarli ad un loro allenamento. 

Non solo Silvia Grecco, il premio per il miglior giocatore è andato a Messi. 

A sorpresa, è Lionel Messi a vincere il premio come ‘miglior giocatore dell’anno’ ai Best Fifa Football Awards 2019, in corso al teatro ‘La Scala’ di Milano’. ”Voglio ringraziare – la dedica dell’attaccante argentino del Barcellona -chi mi ha assegnato questo premio anche se per me i premi individuali sono una cosa secondaria.

E’ un momento unico per me poterlo festeggiare insieme alla mia famiglia e i miei figli”. Messi è arrivato davanti a Virgil Van Dijk del Liverpool e Cristiano Ronaldo della Juventus.

Il tecnico del Liverpool Jurgen Klopp ha vinto il premio The Best Fifa Men’s Coach come miglior allenatore della passata stagione. Klopp, che ha ricevuto il premio sul palco del teatro ‘La Scala’ a Milano, ha battuto Pep Guardiola (Manchester City) e Mauricio Pochettino (Tottenham) al termine di una annata che ha visto il Liverpool conquistare la Champions League e concludere il campionato alle spalle del Manchester City.

“Devo dire grazie a molte persone, a partire dalla mia famiglia ma anche al mio club e ai miei giocatori: come allenatore puoi essere bravo solo quanto lo è la tua squadra”, le parole di Klopp (fonte Ansa).