Simone Biles fuori dalla finale a squadre, staff parla di problema alla caviglia ma Nbc di “cedimento mentale”

di FIlippo Limoncelli
Pubblicato il 27 Luglio 2021 14:56 | Ultimo aggiornamento: 27 Luglio 2021 14:56
Simone Biles

Simone Biles fuori dalla finale a squadre, staff parla di problema alla caviglia ma Nbc di “cedimento mentale” (foto ANSA)

Simone Biles si è ritirata durante la gara a squadre, al volteggio, per un “cedimento mentale“. E’ il primo grande colpo di scena alle Olimpiadi di Tokyo 2020. La campionessa statunitense ha eseguito solamente il primo esercizio della gara, prima di lasciare la pedana. Si è parlato inizialmente di un problema alla caviglia destra, poi smentito, secondo quanto ha riportato la Nbc, da un allenatore del team Usa.

Simone Biles, infortunio alla caviglia o stress?

La campionessa di 24 anni, considerata la più grande ginnasta di tutti i tempi, si è rannicchiata con un allenatore dopo aver sbagliato l’atterraggio nel suo esercizio. Poi è uscita dal campo di gara con il medico della squadra. Biles è tornata poi diversi minuti dopo con la gamba destra fasciata. “Dopo una prova effettuata, Simone Biles salterà il resto della finale a squadre femminile”, ha ufficializzato la federazione internazionale di ginnastica (Fig). Secondo le prime indiscrezioni di stampa, riferite dal Daily Star, le Olimpiadi sarebbero già finite per la campionessa americana. 

Se la Federazione degli Stati Uniti parla di condizioni fisiche da valutare, l’emittente americana Nbc getta dubbi, parlando di “stress mentale“. Lunedì in un post su Instagram Simone Biles ha commentato così la sua prova nelle qualificazioni: “A volte mi sento davvero come se avessi il peso del mondo sulle spalle”. 

Il record di Simone Biles

Simone Biles sta cercando di aumentare il suo bottino di quattro medaglie d’oro vinte alle Olimpiadi di Rio 2016. Seppur non gareggerà per gli Stati Uniti nel proseguio della gara, riceverà la medaglia nel caso in cui andassero a podio.

Vincere i sei ori disponibili in Giappone significherebbe raggiungere quota 10 – uno più della ginnasta russa Larisa Latynina con il record di nove medaglie d’oro vinte in tre giochi olimpici – e confermare il suo status di più grande ginnasta di tutti i tempi. Sarebbe anche significato segnare il maggior numero di medaglie d’oro vinto da qualsiasi donna in qualsiasi sport olimpico. Solo Michael Phelps, con i suoi 23 ori di nuoto, avrebbe vinto più.