Euro 2012, Spagna-Italia: formazioni, Balotelli e Cassano ancora titolari

Pubblicato il 30 Giugno 2012 9:36 | Ultimo aggiornamento: 30 Giugno 2012 9:36

KIEV, UCRAINA – Le formazioni di Spagna-Italia, finalissima di Euro 2012 disputata a Kiev.

SPAGNA (4-3-3): Casillas, Arbeloa, Ramos, Piquè, J.Alba, Busquets, Xabi Alonso, Xavi, Silva, Negredo, Iniesta. Ct del Bosque.

ITALIA (4-3-1-2): Buffon; Balzaretti, Barzagli, Bonucci, Chiellini; Marchisio, Pirlo, De Rossi; Montolivo; Cassano, Balotelli. A disposizione: Sirigu, De Sanctis, Ogbonna, Thiago Motta, Giaccherini, Diamanti, Nocerino, Giovinco, Borini, Di Natale. All. Prandelli.

Italia e Spagna si giocheranno domenica a Kiev il titolo europeo 2012. Sono 30 i precedenti tra le due squadre (3 nelle fasi finali Mondiali, 4 nelle fasi finali Europee, 4 ai Giochi Olimpici – quando ancora partecipavano le selezioni maggiori – e 19 in amichevole) con bilancio di 10 vittorie azzurre, 12 pareggi ed 8 successi della Spagna. Nelle 4 sfide valide per le fasi finali europee l’Italia e’ imbattuta contro la Spagna: score di 3 pareggi (0-0 a Milano, nella fase a gironi di Euro ’80 e 0-0 dopo i tempi supplementari a Vienna, con qualificazione iberica per 4-2 ai rigori, ad Euro 2008, nei quarti di finale e 1-1 nel girone di questi europei) ed 1 successo (1-0 a Francoforte, ad Euro ’88, nella fase a gironi, rete di Vialli al 73′).     Sono 7 i precedenti ufficiali tra Italia e Spagna nelle altre grandi manifestazioni internazionali, di cui 4 alle Olimpiadi e 3 nelle fasi finali dei Mondiali – sempre nei quarti di finale -: il bilancio vede 4 vittorie azzurre, 2 pareggi ed 1 sola affermazione delle ”furie rosse” (2-0 alle Olimpiadi di Anversa nel 1920, unico successo iberico negli 11 precedenti valevoli in grandi tornei ufficiali, in cui il restante bilancio e’ di 5 vittorie italiane e 5 pareggi).

Sara’ il portoghese Pedro Proenca l’arbitro della finale di Euro 2012, che vedra’ di fronte domenica sera a Kiev Italia e Spagna. Il direttore di gara aveva gia’ arbitrato l’Italia nella sfida dei quarti di finale contro l’Inghilterra, conclusasi ai calci di rigore.

Proenca avra’ come assistenti i connazionali Bertino Cunha Miranda e Ricardo Jorge Ferreira  Santos, mentre Manuel Jorge Neves Moreira De Sousa e Duarte Nuno Pereira Gomes saranno gli assistenti di porta.     Come quarto uomo e’ stato designato il turco Cuneyt Cakyr, che aveva diretto la semifinale Portogallo-Spagna, mentre Bahattin Duran, anche lui turco e’ assistente di riserva. L’arbitro portoghese Proenca ha diretto in questa stagione anche la finale di Champions League a Monaco di Baviera tra Bayern e Chelsea e la partita di domenica sara’ il suo quarto impegno nel torneo Euro 2012. Nella fase a gironi ha arbitrato Spagna-Irlanda (4-0) a Danzica e Svezia-Francia (2-0) a Kiev, poi nei quarti di finale la sfida tra azzurri e inglesi.

Pedro Proenca, arbitro designato per la finale di Euro 2012, e’ nato il 3 novembre 1970 a Lisbona, ed e’ internazionale dal 2003. Di professione direttore finanziario, nel tempo libero ama leggere e sciare. E’ alla quarta presenza nel torneo dopo Spagna-Irlanda 4-0 e Svezia-Francia 2-0 nella fase a gironi, e Italia-Inghilterra 0-0 (4-2 ai rigori) nei quarti di finale: supera cosi’ il primato di Melo Pereira, finora unico arbitro portoghese ad aver diretto almeno tre incontri totali in fasi finali europee, tutti nel 2000. Proenca e’ reduce anche dalla finalissima di Champions League del 19 maggio scorso tra Bayern Monaco e Chelsea, vinta dai londinesi ai rigori.    Proenca ha diretto tre volte la Nazionale italiana maggiore: 2-1 sul Montenegro a Lecce il 15 novembre 2008 nelle qualificazioni ai Mondiali di Sudafrica 2010; 1-1 in Serbia il 7 ottobre scorso, nelle qualificazioni ad Euro 2012; e 0-0 domenica scorsa ai quarti di finale di Euro 2012 contro l’Inghilterra (4-2 ai rigori). Tre i precedenti anche con la Under 21, che il 5 settembre 2003 a Pavia si impose 8-1 sul Galles, il 16 giugno 2009 pareggio’ 0-0 con la Serbia e dieci giorni dopo perse 1-0 dalla Germania nella fase finale degli Europei di categoria in Svezia.     Con club italiani nelle coppe europee sono 6 gli incroci, con bilancio di 3 vittorie, 2 pareggi ed 1 sola sconfitta, proprio nell’unica sfida italo-spagnola: Real Madrid-Milan 2-0 del 19 ottobre 2010, fase a gironi di Champions League.    Con arbitri portoghesi agli Europei l’Italia e’ imbattuta in 4 precedenti, con bilancio – a proprio favore – di 2 successi (2-1 sulla Svezia e 2-0 sulla Romania ad Euro 2000, sempre con direttore di gara Melo Pereira) ed altrettanti pareggi (0-0 contro il Belgio nel 1980, arbitro Garrido, e stesso punteggio domenica scorsa contro l’Inghilterra al 120′, poi 4-2 azzurro ai rigori, direttore di gara lo stesso Proenca).     La Spagna e’ al secondo incrocio sia con Proenca che con un fischietto portoghese agli Europei: unico precedente il 4-0 inflitto all’Irlanda lo scorso 14 giugno, nella fase a gironi.      Nelle coppe europee 4 i precedenti tra Proenca e formazioni iberiche, con bilancio – a loro favore – di 2 successi, 1 pareggio ed 1 sconfitta.    Con la finale di Euro 2012, Proenca eguaglia il record di gare dirette in singola edizione da un arbitro agli Europei, 4 incontri, primato fissato per la prima volta dallo svedese Anders Frisk, che a Portogallo 2004 ha arbitrato Germania-Olanda 1-1 e Portogallo-Spagna 1-0 (fase a gironi); Grecia-Francia 1-0 (quarti di finale) e Portogallo-Olanda 2-1 (semifinale, il 30 giugno 2004); e bissato da Roberto Rosetti ad Austria/Svizzera 2008, con gli arbitraggi, nell’ordine, di Repubblica Ceca-Svizzera 1-0 e Russia-Grecia 1-0 (fase a gironi); Turchia-Croazia 0-0 al 90′, 1-1 dopo tempi supplementari, 3-1 nella serie dei rigori (quarti di finale) e la finalissima Spagna-Germania 1-0.